Quartu, parte la sfida dell’estate a Cagliari: a giugno aprono la nuova Bussola e l’Albachiara

Decine di posti di lavoro assicurati e un lungomare che inizia a cambiare volto in attesa del maxi restyling del Comune. Dai prezzi popolari a quelli per clienti facoltosi, spazio per tutti. E gli imprenditori sono sicuri: “Diventerà anche più bello del tratto cagliaritano”

Quartu si prepara alla sfida dell’estate 2022 a Cagliari. Fine maggio, gli stabilimenti balneari già aperti fanno ancora prezzi da bassa stagione, la media di due lettini e un ombrellone è di quindici euro. Ma le due novità grosse sul lungomare quartese stanno per essere inaugurate. A partire dalla nuova Bussola, un mini hotel lussuoso sul mare, con sei suites, piscina privata al pari del tratto di spiaggia davanti alla struttura, ormai terminata per quanto riguarda la parte ricettiva: “Con la fine dell’iter autorizzativo apriremo entro giugno”, spiega il titolare, Massimo Balia. “Siamo già nelle fasi delle prove generali, con la parte ricettiva. Stiamo attendendo solo gli arredi e alcuni impianti”. La Spa e un’altra parte sempre legata al settore balneare inizieranno nel 2023. Cinque le assunzioni già fatte: un direttore, due addetti alla reception, un addetto alle manutenzioni e uno alle pulizie. I prezzi? Sicuramente non bassi, per i servizi offerti. Già un anno fa si parlava apertamente di una clientela, se non di lusso, che comunque ama le cose belle e affascinanti.
E poi c’è l’Albachiara. Stabilimento balneare, ristorante e terrazza. Le assunzioni? “Trenta, a pieno regime, nella stagione estiva”, assicura il titolare, Michele Pinna. “Ma staremo comunque aperti tutto l’anno”. Il tentato furto di due settimane fa non ha rallentato il cantiere: “Stiamo per ultimare tutto, apriremo entro giugno. E, secondo me, il Poetto di Quartu diventerà anche più bello di quello di Cagliari, soprattutto dopo tutti gli interventi previsti dal Comune”. Il riferimento è ai lavori, pari a nove milioni di euro, per realizzare un lungomare identico a quello cagliaritano. I fondi del Pnrr sono già in cassa, il primo lotto partirà in autunno, dalla rotonda della Bussola sino al Margine Rosso. E, tra tre o quattro anni al massimo, il volto del lungomare quartese cambierà totalmente e diventerà competitivo al pari dei chilometri cagliaritani,  già modernizzati da anni, che vanno da Marina Piccola all’ospedale Marino.


In questo articolo: