Quartu, 17 pompieri per domare l’inferno di fuoco dietro Carrefour: è caccia ai piromani

Due ore di duro lavoro in via Segré, preso nuovamente di mira il canneto vicino a Viale Marconi. Pochi dubbi, visto il punto, sull’origine dolosa, come spiegano dalla caserma di viale Marconi. L’ex sindaco Delunas: “Tre incendi in poco tempo fa pensare a un disegno ben congegnato”

Diciassette pompieri, intervenuti con due camion e due autobotti, hanno dovuto lottare per due ore prima di avere ragione del vasto incendio divampato dietro Carrefour a Quartu, in via Segré. Le fiamme sono state domate prima che potessero colpire automobili o, peggio ancora, palazzi. Il fuoco, altissimo, è stato avvistato addirittura dal Bastione di Saint Remy, a Cagliari. Alla fine, gli unici danni registrati sono stati solo quelli alla vegetazione.

 

 

E sembra essere chiara, anche stavolta, la matrice dolosa dell’incendio. Lo confermano dalla stessa caserma di viale Marconi: i punti dai quali, anche oggi, sono partite le fiamme, infatti, non lasciano spazio a una possibile ipotesi di costo circuito o di errore umano. Caccia ai piromani che va avanti, quindi, domani gli stessi Vigili del fuoco decideranno come procedere e potrebbe essere fatto un sopralluogo, alla ricerca di tracce utili, alla luce del sole. E non è solo il sindaco Graziano Milia che parla di “malavitosi in azione”. L’ex primo cittadino quartese Stefano Delunas, su Facebook, scrive un commento chiarissimo: “Tre incendi in cosi poco tempo fa pensare ad un disegno ben congegnato. Mi ricorda tanto i 7 incendi consecutivi al parco del Molentargius, lato viale della Musica, quando i Vigili del fuoco trovarono anche gli inneschi”.


In questo articolo: