“Il parco chiude troppo presto”, famiglie in rivolta a Selargius

Pazzesco e vergognoso. In tutti gli altri parchi si va da una chiusura minima delle 21.30 (come Monte San Michele) ad una massima delle ore 24 (come i giardini pubblici). “Centinaia le e-mail inviate al sindaco di Selargius ma nessuna risposta. Siamo arrabbiati e delusi”

Rabbia e delusione da parte dei cittadini di Selargius: il parco di Su Planu chiude troppo presto, impossibile potervi accedere nelle ore serali in cui fresco e relax sono garanti. “Siamo decine e decine di famiglie che frequentano questo bellissimo parco, dagli abitanti del gran quartiere agli abitanti dell’hinterland; caratterizzato da tantissimi giochi per bambini, tante panchine ed un bellissimo polmone verde – spiega Igor Caddeo, frequentatore ‘accanito’ con la famiglia di questo luogo –
siamo oramai a luglio e da quando hanno riaperto i parchi in tutti i comuni, da maggio, questo è l’unico posto dove sono rimasti orari impensabili soprattutto per questo periodo. Chiude alle 12.30 per riaprire alle 16.30 e per poi chiudere nuovamente alle 20. Pazzesco e vergognoso. In tutti gli altri parchi si va da una chiusura minima delle 21.30 (come Monte San Michele) ad una massima delle ore 24 (come i giardini pubblici). Centinaia le e-mail inviate al sindaco di Selargius ma nessuna risposta. Siamo arrabbiati e delusi”.
Dello stesso parere è Carmen Piga che risiede proprio di fronte al parco.
“Siamo molto delusi perché non può chiudere così presto. Gli orari sono impossibili. Dove stiamo arrivando!! Quando arriva finalmente il fresco, dopo tante ore di caldo, è già chiuso. Ora vorremmo andare al parco e invece non possiamo. Vi sono solo tre cancelli aperti, i vigilantes controllano scrupolosamente. Siamo già stati fortemente penalizzati per molti mesi  a causa del lockdown, perché vi sono ancora questi divieti?”

In questo articolo: