Monserrato, dall’ambiente all’ausilio nelle scuole: il Comune parte con i progetti personalizzati di inclusione sociale Reis 

“Agiudu torrau”, un modo per rendere il cittadino parte integrante della società soprattutto quando le difficoltà economiche sono tali da non poter garantire nemmeno i beni di prima necessità. Ecco allora che può intervenire il Comune con dei progetti ad hoc

Monserrato. “Agiudu torrau”, un modo per rendere il cittadino parte integrante della società soprattutto quando le difficoltà economiche sono tali da non poter garantire nemmeno i beni di prima necessità. Ecco allora che può intervenire il Comune che, grazie ad un contribuito economico, aiuta chi ha bisogno e chi riceve può ringraziare la comunità compiendo dei piccoli ma significativi lavori.  Il REIS, infatti, prevede lo svolgimento di un Progetto di inclusione attiva stabilito nel percorso personalizzato finalizzato al superamento della situazione di povertà.
“L’Amministrazione da me guidata – spiega il sindaco Tomaso Locci – sta procedendo nel rispetto delle Linee Programmatiche del mio mandato politico e per tali motivi gli Uffici dell’Assessorato Politiche Sociali e del Lavoro in stretta collaborazione con l’Assessore di riferimento, Tiziana Mori hanno predisposto delle linee di indirizzo nella redazione dei piani personalizzati che tengano conto della situazione familiare dei beneficiari valorizzando le competenze. Gli Uffici hanno lavorato alacremente per verificare l’impiego più consono dei beneficiari in attività utili alla collettività”.
Rispettate quindi le linee del mandato assessoriale: “Sono molto contenta dell’ottimo lavoro sinergico portato avanti con i dipendenti dell’Assessorato assegnatomi – dichiara Tiziana Mori – perché siamo riusciti nell’intento non solo di rispettare e seguire le linee programmatiche del Settore ma di tradurle in obiettivi di performance poiché abbiamo puntato nel far emergere anche le cd soft skills dei beneficiari e capire così quale fosse il percorso formativo e personalizzato per loro più consono”.
Dei 51 beneficiari totali, diversi beneficiari usufruiscono ex lege di deroghe per motivi gravi di salute o perché le famiglie beneficiano di sudditi tipo L. 20/97, i restanti 35 sono stati inseriti nei seguenti settori-ambiti progettuali: Ambiente, Coop.Piccolo Mondo, PGS, Istituto Comprensivo, Segreteria, Parco Progetti.
Un lavoro di squadra che ha permesso il raggiungimento di questo progetto con i corrispettivi Capi Settore degli Uffici, nonché, la cooperativa P.G.S, l’Istituto Comprensivo (dirigente Cao) e la Coop. Sociale che gestisce il nido comunale, che hanno preso in carico i beneficiari del Reis per tali progetti.

In questo articolo: