Minacce e riti voodoo per fare prostituire giovani nigeriane: tre arresti a Sassari

Con la promessa di un lavoro regolare facevano arrivare dalla Nigeria giovani ragazze, poi però quando toccavano piede in Sardegna scoprivano l’incubo in cui erano finite: tre arresti a Sassari

Facevano arrivare dalla Nigeria alla Sardegna giovani ragazze promettendo loro un lavoro regolare, per poi costringerle alla prostituzione nelle strade sassaresi, dietro la minaccia di ritorsioni fisiche e sottoponendole a riti voodoo. Sono finiti in manette oggi tre nigeriani, su ordine della Procura.

Gli arresti hanno coronato una articolata indagine svolta dalla Squadra Mobile di Sassari nel 2007, nella quale era stata smantellata un’associazione a delinquere, finalizzata alla tratta di persone, riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione.

I componenti del sodalizio criminale sono stati condannati rispettivamente a 11, 7 anni e 10 mesi, e 5 anni e 10 mesi di reclusione.

Per loro si sono aperte le porte del Carcere di Bancali. Per le loro vittime finalmente la libertà.