Migranti, Deidda: “Ora basta, servono navi militari e interventi seri”

A Porto Pino è avvenuto un clamoroso sbarco di circa quindici migranti algerini, poi seguito da altri sbarchi fino ad un totale di 45 persone. L’arrivo nel porticciolo di fronte alla baia è avvenuto alla presenza di tantissimi bagnanti che hanno assistito alla scena in diretta.

A Porto Pino è avvenuto un clamoroso sbarco di circa quindici migranti algerini, poi seguito da altri sbarchi fino ad un totale di 45 persone. L’arrivo nel porticciolo di fronte alla baia è avvenuto alla presenza di tantissimi bagnanti che hanno assistito alla scena in diretta.

“È assurdo che nemmeno al tempo del Covid il Governo controlli e blocchi gli sbarchi degli algerini” così il capogruppo di FdI in Commissione Difesa Salvatore Deidda che tra mercoledì e giovedì scorso, nell’Aula della Camera dei Deputati, ha chiesto l’informativa urgente del Ministro degli Interni sulla situazione sbarchi;

“Da anni chiedo interventi in materia e, nonostante le rassicurazioni dei vari Governi, niente e nessuno ha risolto la questione. Questa volta è accaduto in mezzo a centinaia di bagnanti – denuncia Deidda – cos’altro deve accadere perché si aprano gli occhi? Più volte Conte e Di Maio si sono recati in Algeria e nonostante promettesero zero sbarchi ecco i risultati” prosegue l’esponente di FdI;

“Mentre attendiamo il Ministro Lamorgese in Aula per un confronto, rilanciamo la proposta di navi militari che vigilino nel nostro mare, in pieno accordo con l’Algeria. Tra il covid, criminalità e terrorismo non è più tempo di annunci ma di fatti”, conclude il responsabile del Dipartimento Difesa di FdI.


In questo articolo: