Marina Piccola, maxi sequestro di sigarette di contrabbando dall’Ucraina: spuntano 50 kg di “bionde”

Decisivo il fiuto del pastore tedesco Sonja, importante operazione della Finanza a Marina Piccola: scoperti 50 kg di sigarette di contrabbando provenienti dall’Ucraina, oltre a 7mila euro in banconote. Guardate il VIDEO

Prosegue l’attività congiunta di contrasto ai traffici illeciti dei comandi provinciali dell’arma dei carabinieri e della guardia di finanza di cagliari. Dopo i numerosi arresti in materia di stupefacenti, questa notte carabinieri e finanzieri hanno portato a termine un maxi sequestro di sigarette di contrabbando in arrivo dall’Ucraina.

Durante l’attività ordinaria di controllo del territorio, una pattuglia del nucleo radiomobile dei carabinieri è intervenuta nei pressi di Marina Piccola dove erano stati notati diversi soggetti di nazionalità straniera che, con fare sospetto, si aggiravano per la zona. Fermati e sottoposti a controllo, i militari procedevano a un più approfondito controllo anche dei loro veicoli, tra cui un furgone Ducato con targa ucraina. All’interno del veicolo venivano trovate alcune stecche di sigarette ucraine e pertanto, in virtù della competenza specifica in materia di contrasto al contrabbando, intervenivano anche pattuglie dei baschi verdi e dei cinofili della Compagnia della Guardia di Finanza di Cagliari.

Il fiuto infallibile del pastore tedesco “Sonja”, ha consentito di individuare in veri e propri doppifondi ricavati all’interno del veicolo 50 kg di sigarette di contrabbando delle più note marche, nonché 7.000 euro in banconote, verosimilmente provento illecito del contrabbando ed una ricetrasmittente probabilmente utilizzata durante gli spostamenti dei malviventi. Una successiva attività di riscontro ha permesso di fermare un ulteriore soggetto di nazionalità ucraina il quale, sottoposto a un più approfondito controllo, è stato trovato in possesso di due borsoni, occultati nel vano della ruota di scorta della propria Bmw station wagon, anch’essa con targa ucraina, contenenti altri 5 kg circa di sigarette sempre di produzione estera e ulteriori 4.200 € circa in banconote di vario taglio, nonché un lampeggiante e due sistemi veicolari sonori bitonali, molto probabilmente utilizzati per simulare servizi di staffetta. Il primo soggetto straniero, pregiudicato, nato e residente in Ucraina, classe 1981, tratto in arresto per il reato di contrabbando, sarà trattenuto presso le camere di sicurezza del comando provinciale dei carabinieri di cagliari e processato nella mattinata di domani con rito direttissimo. Il secondo soggetto, anch’egli nato e residente in Ucraina, classe 1974, è stato deferito in stato di libertà per concorso nel medesimo reato. Proseguono gli accertamenti investigativi congiunti di Carabinieri e Finanza per meglio ricostruire l’intera filiera del contrabbando.


In questo articolo: