Lirico, caos senza fine: Zedda indagato per diffamazione

Indagati anche i due consiglieri del vecchio Cda del Teatro, Mario Marchetti e Susanna Pasticci

Non c’è pace per il Teatro Lirico di Cagliari. Mentre il Gip ha rigettato la richiesta di interdizione di Massimo Zedda, presentata dal pm Giangiacomo Pilia, c’è un secondo fascicolo che vede sempre il sindaco di Cagliari sotto accusa, insieme a due componenti del vecchio Consiglio di amministrazione della Fondazione: Susanna Pasticci, che rappresentava il Ministero, e Mario Marchetti, rappresentante del Comune. Per tutti e tre l’accusa è di diffamazione.

E poi ci sono le due inchieste su Zedda per abuso d’ufficio: il processo riprenderà a settembre. L’indagine per diffamazione è scattata dopo l’esposto in Procura presentato dall’ex sovrintendente Mauro Meli. Nel documento l’ex numero uno dell’ente di via Sant’Alenixedda punta il dito contro una serie di comunicati stampa nei quali i tre indagati, Zedda, Marchetti e Pasticci, denunciavano la presenza di buchi consistenti nel bilancio del Lirico addebitandoli alla gestione Meli.