Le febbre alta e il volo disperato a Roma: “Nostro figlio morto per meningoencefalite, chi può doni soldi per aiutare i bimbi malati”

LA TRAGICA FINE DI GIOVANNI MARIA- Antonella Argiolas e Pietro Pira sono la coppia di genitori sardi che hanno perso il loro piccolo di appena 6 mesi, Giovanni Maria, stroncato in pochi giorni dalla malattia: “Venti giorni di sofferenza in cui gli abbiamo dato tutto il nostro amore. Abbiamo deciso di invitare tutti a non comprare fiori ma a fare una donazione all’Hospice del Bambino Gesù, lì vengono accuditi e aiutati i piccoli malati terminali”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

“Un angelo è voltato in cielo. Il nostro angelo. Sei mesi fa Giovanni Maria ci aveva dato la gioia di diventare per la seconda volta genitori, oggi ci ha lasciato, dopo venti giorni di sofferenza, in cui gli abbiamo dato il nostro amore e lui ci ha donato il suo. Il dolore è devastante e non sarà facile far capire a Biancamaria perché il suo fratellino non c’è più e perché siamo stati tutti chiamati a questa prova di grande sofferenza. In questi giorni difficili ci siamo spesso domandati perché proprio noi e se sia giusto che il nostro bambino abbia dovuto soffrire così tanto. Non abbiamo purtroppo una risposta, se non la rassegnazione ad un evento in cui tutti i sanitari hanno tentato di fare il meglio per lui ed in cui parenti, amici e conoscenti ci sono stati vicini. Sarà una prova dura da superare, ma dobbiamo riuscirci, per noi, per Biancamaria e nel ricordo di Giovanni Maria che sarà e resterà sempre con noi”. Inizia così la lettera-email scritta da Antonella Argiolas, di Laconi, e Pietro Pira, di Orune, i genitori del piccolo di sei mesi stroncato a una meningoencefalite fulminante. La coppia vive in provincia di Grosseto, in Toscana, da anni, ma i legami con la Sardegna, dove sono nati entrambi, sono solidissimi. Il funerale del neonato è già stato fissato: accanto alla piccola bara bianca, mamma Antonella e papà Sergio non vogliono fiori, ma preferiscono che vengano fatte donazioni per i medici romani.
“La sua presenza non svanirà e resterà per sempre il nostro bambino, il nostro angelo nel cielo!  Da oggi una stella in più brillerà nel firmamento celeste e se esiste un Paradiso dei bambini lui sarà lì ad aspettarci, perché un giorno ci rincontreremo. Non so se in quel Paradiso si crescerà così come nel nostro mondo, ma siamo sicuri che se ciò dovesse avvenire quel giorno lo riconosceremo, perché il legame forte che esiste tra un figlio e un genitore non può essere spezzato da nessun evento e lo stringeremo forte a noi come abbiamo fatto nel suo breve viaggio terreno.  Pregate per il nostro bambino e accompagnatelo con noi verso le porte del Paradiso! Ciao amore nostro e fai buon viaggio nella luce. Nell’occasione ringraziamo tutto il personale medico e infermieristico dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù che, con dedizione amorevole, ha aiutato Giovanni Maria nel suo percorso di cure, con un pensiero particolare alla dottoressa Maria Osti e al professor Sergio Picardo. Le esequie del piccolo Giovanni Maria si svolgeranno domani, giovedì 20 Giugno, alle ore 15 nella chiesa Santa Maria Goretti a Fonteblanda. È possibile, anziché comprare fiori, effettuare una donazione in memoria di Giovanni Maria alla Fondazione Bambino Gesù Onlus.  Iban: IT 05 B 03069 05020 100000016223. Causale : ‘In memoria di Giovanni Maria’”.


In questo articolo: