La memoria del suono, sculture sonore di Pinuccio Sciola

Il documentario

Mercoledi 5 febbraio, presso la libreria Mieleamaro in via Manno 88 a Cagliari, verrà presentato e proiettato per la prima volta al pubblico il video-documentario dal titolo ‘LA MEMORIA DEL SUONO – Sculture Sonore di Pinuccio Sciola’. Il lavoro, della durata di 14 minuti, è stato curato da Simone Cavagnino e compie un viaggio alla scoperta delle sculture sonore dell’artista Pinuccio Sciola, uno dei grandi rappresentanti dell’espressione artistica made in Sardinia nel mondo.
Sarà proprio il poeta di San Sperate a guidare lo spettatore alla scoperta del suo sterminato universo artistico, popolato da pietre e città sonore di calcare e basalto, elementi senza tempo, custodi della memoria dell’Universo.

“E’ evidente che la scultura non è soltanto forma, da quando si è scoperto che dentro la pietra ci sono i suoni, la visione della pietra è cambiata profondamente. Difficilmente potrei dire quando c’è stato il cambiamento tra la scultura e il suono. Il suono era nel silenzio della pietra. Io sapevo che dentro la pietra c’erano questi suoni; ho dovuto trovare il modo affinchè i suoni potessero esser percepiti da chi si avvicina a queste pietre”. [Pinuccio Sciola da ‘LA MEMORIA DEL SUONO – Sculture Sonore di Pinuccio Sciola’]

Parteciperanno alla presentazione l’artista e scultore Pinuccio Sciola e il curatore del progetto Simone Cavagnino.

Documentario e coordinamento editoriale: Simone Cavagnino
Immagini e montaggio: Alessandro Argiolas e Riccardo Garau
Foto: Attila Kleb
Grafica: Gigi Cavagnino


In questo articolo: