Inferno di fuoco a San Basilio, devastante incendio nel parco eolico: 200 ettari distrutti

Un rogo pauroso, alimentato dal forte vento, cancella un maxi bosco incastonato tra le pale eoliche. Le immagini impressionanti del “prima” e del “dopo”: uno sfregio devastante

Una catastrofe, o poco ci manca. Sono duecento gli ettari di bosco finiti in cenere a San Basilio, in località Sa Tuppa, dove c’é il parco eolico. Uno dei bollettini degli incendi peggiori di tutta l’estate 2021, il fuoco alimentato dal vento ha purtroppo avuto gioco facile. Hanno lottato tanto gli uomini del Corpo forestale di Senorbì per avere ragione delle fiamme, supportati dagli elicotteri di Villasalto, San Cosimo, Fenosu e dal gruppo del Gauf di Cagliari. Si è reso necessario anche l’intervento di 3 Canadair dislocati a Olbia. Sono intervenute, oltre al personale del Corpo Forestale rgionale, le squadre dell’autobotte dell’agenzia Forestas di Senorbì e le squadre di volontari delle associazioni cittadine, di Goni, Sant’Andrea Frius e Siurgus Donigala. 

 

 

Una maxi pattuglia, 24 operatori e 8 mezzi antincendio. L’incendio ha distrutto duecento ettari di bosco, le immagini dall’alto sono come una pugnalata al cuore. Si è reso necessario il fermo delle pale eoliche presenti, per facilitare l’attività aerea. Le operazioni di spegnimento dei velivoli, sono tutt’ora in corso le operazioni di bonifica e messa in sicurezza dell’area interessata dalle fiamme. Le sala operativa del Corpo Forestale ha predisposto lo stazionamento notturno di diverse squadre, per scongiurare una eventuale ripartenza.


In questo articolo: