Covid, Briatore: discoteche chiuse? Incomprensibile, è in atto un’operazione di terrore

Intervista all’imprenditore che attacca la decisione del governo di non riaprire i locali da ballo: “Serviva un capro espiatorio, dopo aver consentito che migliaia di persone festeggiassero la vittoria dell’Italia senza protezioni e senza controlli. Con questa decisione non solo si perderanno 200mila posti di lavoro, ma i giovani si organizzeranno con rave party e serate in spiaggia

Una scelta incomprensibile, che provocherà un danno economico enorme e non risolverà il problema contagi. Anzi, rischia di peggiorarlo, perché i giovani si organizzeranno con serate danzanti senza alcun controllo invece che andare in locali con regole precise. Flavio Briatore, imprenditore, proprietario del Billionaire a Porto Cervo, meta dei vip di tutto il mondo che in estate prendono d’assalto la Costa Smeralda, spiega in un’intervista rilasciata all’agenzia LaPresse come la pensa a proposito della decisione del governo di non autorizzare la riapertura delle discoteche. “Avremo 150-200mila persone che resteranno senza lavoro e la cosa grave è che non si risolverà nulla. O forse pensiamo che i ragazzi andranno a dormire a mezzanotte in piena estate? E’ chiaro che si organizzeranno con rave party o serate in spiaggia, senza limiti e senza controlli, invece che andare in locali con regole precise. Ne vedremo delle belle”, prevede amareggiato Briatore, che sui 20 milioni di euro previsti come ristori dice: “In pratica, il fatturato annuale di una grande discoteca di Rimini, una follia”.

Così come è una follia, secondo Briatore, imporre la quarantena ai turisti extra Ue anche se vaccinati. “Non capisco perché se un turista vaccinato arriva da Parigi non deve fare quarantena, se arriva da Kiev sì. Così blocchiamo in Sardegna e in tutta Italia un turismo ricco, che infatti non sta arrivando, una clientela enorme, preziosa per l’economia del paese. Se un turista è vaccinato, perché queste differenze?”, si chiede. Più in generale, Briatore dice che in Italia sembra ci sia in atto “un’operazione per terrorizzare la gente. Oggi il principale quotidiano italiano ha 6 pagine dedicate al covid. Bisognerebbe tenere più conto della situazione negli ospedali, perché le terapie intensive sono semivuote e con i vaccini anche se ci si contagia i sintomi sono leggeri. E’ chiaro che bisogna vaccinarsi, e farlo tutti senza differenze d’età. Ma è incomprensibile questa continua opera di terrore sulla gente”.

L’aspetto più inaccettabile dell’intera vicenda è, secondo Briatore, quello che è successo in occasione dei campionati di calcio europei. “Il governo ha autorizzato migliaia di persone a scendere in piazza e urlarsi in faccia, senza mascherine, senza distanziamento e senza nessun tipo di controllo per festeggiare la vittoria dell’Italia a Euro 2020. Dunque questo era possibile ma andare in discoteca con il green pass e il tampone no? E’ assurdo, ancora una volta le decisioni in Italia sono prese da qualcuno che evidentemente non ha senso pratico. Non capisco – ribadisce Briatore – perché non possa essere come a Londra o a Dubai, dove se hai green pass col Qr code, dunque non falsificabile, entri, altrimenti no: forse stavano cercando un capro espiatorio e mi pare che l’abbiano trovato nelle discoteche. Per fortuna in Italia ho ormai pochissime attività, e ne avrò sempre meno”. E del Billionaire cosa ne sarà quest’anno? “Ci saranno solo dinner show in terrazza, non riapriremo come discoteca”, dice Briatore. Che non sa ancora se, come ogni anno, sarà nell’isola pronto ad accogliere gli ospiti nel suo locale. “Se ad agosto sarò in Sardegna? Non so, non ho ancora deciso dove fare le vacanze”.

 

 

 


In questo articolo: