Infermieri “eroi”, a Monastir il grazie dei nonnini della Rsa: “La tua voce mi ha fatto sentire al sicuro”

Per la giornata mondiale degli infermieri gli anziani ospiti celebrano con “medaglie” gli “eroi” che nell’ultimo anno hanno messo a rischio la propria vita per affrontare in prima linea la pandemia.

Medaglie e frasi di ringraziamento. “Grazie per il bene che ci date”, “Grazie a voi che dispensate compassione, conforto e cura senza prescrizione”, “Grazie per tutte quelle volte che mi hai chiamato per nome e la tua voce mi ha fatto sentire al sicuro” sono queste alcune delle frasi che gli ospiti della Residenza Villa degli Ulivi di Monastir hanno dedicato allo staff infermieristico.
Il gesto in vista del 12 maggio Giornata Internazionale dell’Infermiere. Una data che riaccende la gratitudine verso chi nell’ultimo anno ha messo a rischio la propria vita per affrontare in prima linea la pandemia.
Lo scorso anno sono stati realizzati dei dolci. Quest’anno con l’aiuto dell’educatrice gli ospiti della struttura hanno poi realizzato delle “medaglie al valore” con cartoncino decorato con tempera e stencil che riportano sul retro la frase, il pensiero, la dedica e che ciascun ospite appenderà al collo di un infermiere per insignirlo del titolo di “eroe del proprio cuore!”.


In questo articolo: