In Sardegna indice Rt a 0,79, è il più basso d’Italia: l’Isola “respira”

Crolla sotto quota uno l’indice Rt, l’isola tra le quattro regioni sotto la “soglia critica”. Sarà ancora “zona gialla”

Indice Rt a 1,18 in tutta Italia, in Sardegna a 0,79: è il più basso tra tutte le Regioni. È quanto emerge dalla cabina di regia dell’Istituto superiore della sanità, che ha presentato l’ultimo report settimanale. Sotto quota 1, oltre all’isola, ci sono solo altre tre regioni, tra le quali il Lazio (0,84) e la Liguria (0,89). La Sardegna rimane quindi, ancora, “zona gialla”: confermato il coprifuoco dalle 22 alle cinque, il semi lockdown di bar e ristoranti dalle 18, i mezzi pubblici pieni al 50 per cento e la didattica a distanza solo per le superiori, oltre a cinema, teatri, palestre, piscine e musei chiusi. Ma il contagio, comunque, subisce una frenata che consente di non entrare in quella “zona arancione” che significherebbe avere limitazioni più dure.

 

“I dati sono indicativi di uno spiraglio che si apre, ma non dobbiamo deflettere da una linea di condotta che sta portando a dei risultati”, afferma Silvio Brusaferro, presidente dell’Iss, parlando del dato complessivo nazionale. “Evitiamo di ripetere l’errore dell’estate, quando avevamo pensato che tutto fosse alle spalle. L’Rt è ancora sopra quota 1, dobbiamo continuare a mantenere le misure”.


In questo articolo: