Il Cagliari sbanca Vicenza, la serie A adesso è veramente a un passo

E i tifosi rossoblù urlano sugli spalti del Menti: “Torneremo in serie A!”

Vince il Cagliari 2-0 con i gol di Cinelli e Melchiorri. La vittoria contro il Vicenza vale il primo posto, con 65 punti in 32 partite, a +2 dal Crotone che domani affronterà il Pescara e a +13 dal Novara che occupa il terzo posto.Il Cagliari è sembrato più solido rispetto alle ultime gare anche se la prova non è stata esaltante. Serviva una vittoria per interrompere la striscia negativa che durava da 4 partite dove i rossoblù avevano subito tre sconfitte e ottenuto solo 1 punto nel pareggio sofferto col Trapani. Delle prime otto squadre oggi ha vinto solo il Cagliari che riprende la sua corsa verso la serie A e da un calcio alla crisi. Alla fine della gara è festa grande tra i giocatori e mister Massimo Rastelli andati poi a salutare i tifosi presenti in curva che hanno voluto ricordare con uno striscione dedicato a Luca Pusceddu “luchisceddu”, lo sfortunato bambino di 11 anni, scomparso nei giorni scorsi a Quartu dopo aver effettuato una rovesciata purtroppo fatale. Il tecnico del Cagliari, sotto accusa per le prestazioni deludenti della squadra nelle ultime 4 gare e per alcune scelte discutibili che avevano provocato qualche polemica poi sfociata nella decisione di portare la squadra in ritiro,  è sembrato molto teso e non si è certo risparmiato in panchina dispensando consigli e l’incoraggiamento nei confronti dei suoi uomini apparsi nel primo tempo piuttosto bloccati e molto timorosi. Nei primi 45′ la manovra è sembrata molto lenta e prevedibile. La svolta per il Cagliari è arrivata al 42′ con l’espulsione di Pinato. Il Vicenza, da quel momento in dieci uomini, ha accusato la fatica e non è mai riuscito a rendersi pericoloso. Troppi gli errori nella misura dei passaggi. Il Cagliari ha saputo aspettare l’occasione giusta e col giro palla e il possesso ha fatto girare a vuoto i biancorossi. In  ogni caso i rossoblù hanno dimostrato di essere nettamente superiori sul piano tecnico con una differenza tra le squadre davvero imbarazzante. Il Cagliari con i tre punti ottenuti oggi ritrova fiducia e vola verso la serie A. La nota positiva è quella di aver ritrovato Melchiorri, forse l’unico attaccante vero e di spessore presente nella rosa del Cagliari. Dopo il suo ingresso la squadra ha cambiato decisamente atteggiamento e in fase offensiva si è vista subito la differenza.Il centravanti ha servito l’assist vincente a Cinelli che al 68′ ha sbloccato il risultato,senza esultare per rispetto nei confronti della squadra dove era capitano fino a gennaio e dei suoi tifosi, con il gol dell’ex, e al 90′ con un’azione personale. Federico Melchiorri  ha realizzato il suo ottavo gol stagionale con un diagonale straordinario che ha fulminato Benussi,dopo aver dribblato è superato due difensori.Un gol che ha chiuso definitivamente la partita. Col recupero degli infortunati, in particolare a centrocampo e l’inserimento di Ceppitelli in difesa gli uomini di Rastelli hanno ritrovato gli equilibri e le giuste distanze tra i reparti. E non è un caso che i rossoblù oggi non abbiano subito gol. Col recupero di Di Gennaro, oggi in panchina, il Cagliari ricompone il suo organico e si prepara ad affrontare il finale di stagione col morale alle stelle e col giusto entusiasmo. Occorre aspettare il risultato del Crotone che potrebbe in caso di vittoria col Pescara andare a +1. La squadra ora si gode il primo posto e dedica la vittoria a Luca Pusceddu, il bambino di 11 anni, grande tifoso di calcio, tragicamente scomparso nei giorni scorsi in un campo di calcio. E sabato prossimo appuntamento a Modena con la squadra di Crespo in piena lotta retrocessione.   


In questo articolo: