I tirocini per i giovani sardi dureranno 24 mesi: ecco le nuove regole

Approvate oggi dalla Regione, obiettivo lavoro per i giovani sardi

 Durata dei tirocini sino a 24 mesi – ma con possibilità di proroga – e abbattimento del limite numerico degli aventi diritto: sono queste alcune delle novità introdotte dalle Linee guida per i tirocini di orientamento, formazione e inserimento finalizzati all’inclusione sociale e alla riabilitazione di persone prese in carico dai servizi sociali e dai servizi sanitari competenti. La nuova Disciplina dei tirocini è stata approvata dalla Giunta Regionale su proposta dell’assessore del Lavoro, Virginia Mura, di concerto con l’assessore della Sanità, Luigi Arru. Le Linee guida recepiscono l’accordo siglato nel gennaio scorso da Governo, Regioni e province autonome. Si tratta di un’intesa che individua un ulteriore tipo di tirocinio rispetto a quelli già previsti dalle Linee guida definite a livello nazionale due anni fa. Ora, insomma, esiste uno strumento per l’inclusione sociale di quei soggetti che, per diversi motivi, non potrebbero svolgere una reale funzione lavorativa all’interno di un ambito produttivo. La stessa Commissione Europea, all’interno della strategia Europa 2020, individua la questione dell’inclusione sociale tra le priorità per favorire la coesione e lo sviluppo, e nel PO FSE 2014-2020 il 20% delle risorse del Programma sono proprio destinate all’Asse Inclusione sociale.


In questo articolo: