“Forza Natalia, non sei sola, in tante non ci arrendiamo al silenzio complice”: la solidarietà di Romina Mura

La deputata del Pd, e presidente della commissione Lavoro alla Camera, sulla sua pagina Facebook: “Il gesto turpe da condannare e la violenza fisica subita da una giovane donna a Cagliari ci sbattono per l’ennesima volta in faccia il male endemico di uomini che disprezzano e umiliano le donne”

“Forza Natalia, non sei sola. Siamo in tante, e siamo sempre dalla parte delle donne che denunciano, che non si arrendono al silenzio complice, che si ribellano all’aggressione anche morale di una società che non la smette di guardarci come oggetti da violare. Il gesto turpe da condannare e la violenza fisica subita da una giovane donna a Cagliari ci sbattono per l’ennesima volta in faccia il male endemico di uomini che disprezzano e umiliano le donne. Accade in una città dove il sindaco in campagna elettorale diceva che “tutte le persone devono sentirsi libere di muoversi a qualsiasi ora, ogni giorno e in tutte le parti della città”. Sono d’accordo, e deve valere soprattutto per le donne. Non strumentalizziamo mai questi problemi. Più coesione sociale, più consapevolezza, più sostegno alle donne e, certo, più  vigilanza e repressione. Ma facciamolo, non basta l’indignazione di un giorno”. Lo scrive sulla sua pagina Facebook la presidente della commissione Lavoro della Camera Romina Mura (Pd), commentando l’aggressione subita a Cagliari da una studentessa universitaria, che poi ha denunciato ai carabinieri e pubblicamente il fatto, precisando che “tante ragazze hanno vissuto la stessa situazione, sempre nella stessa zona”.


In questo articolo: