Fiamme altissime, esplosioni e tanto fumo: inferno nel campo nomadi sgomberato a Cagliari

Un incendio vastissimo distrugge le carcasse di auto, la tanta spazzatura e fa saltare in aria le bombole di Gpl in via San Paolo. Tutto a poche ore dallo sgombero forzato di Rom e sardi: un rogo molto probabilmente doloso, sul posto anche la polizia. GUARDATE il VIDEO

Un incendio vastissimo, esplosioni ripetute e tantissimo fumo. Il cielo sopra via San Paolo a Cagliari illuminato dal fuoco del maxi rogo scoppiato, verso le 21:45, nell’area del campo nomadi sgomberato solo qualche ora fa dalla polizia Municipale, intervenuta con la ruspa per abbattere la baraccopoli abusiva nella quale vivevano, da anni, un gruppo di Rom e di sardi. Sul posto sono intervenute due squadre dei Vigili del fuoco. Tantissime le segnalazioni dei cittadini, tutti hanno sentito varie esplosioni. E, da quanto si apprende, si è trattato di alcune bombole di gpl, esplose dopo essere state raggiunte dalle fiamme. In cenere anche le carcasse di automobili e gli altri rifiuti ammassati. Un inferno di fuoco, con una maxi nube che si è sprigionata e che è stata sospinta dal vento sino a via Po, rendendo l’aria irrespirabile. Un grosso e duro lavoro, quello svolto dai pompieri, con le operazioni di spegnimento rese ancora più difficili e pericolose proprio per la presenza sia delle bombole sia di cavi elettrici.

 

Sul posto anche gli agenti della polizia Locale e della questura, impegnati a svolgere tutte le indagini del caso. Molto probabilmente, infatti, si tratta di un rogo doloso: lo sgombero di stamattina e le fiamme, insomma, stando a quanto trapela, sarebbero collegati tra loro.