Domani a Sassari il Sardegna Pride: la Cgil partecipa col carro dei “nuovi diritti”

Tutto pronto per il Sardegna Pride di domani a Sassari

Anche quest’anno la Cgil, insieme all’Ufficio Nuovi Diritti, partecipa
e sostiene il Sardegna Pride 2022 che si svolgerà domani a Sassari con
partenza alle 18 da piazza Università per il corteo fino a piazza
d’Italia. “E’ un’adesione importante che parte dalla condivisione di
valori e battaglie storiche per il sindacato, da sempre in prima linea
per la difesa dei diritti di tutti e ancora in piazza domani per
rivendicare i valori della libertà, l’affermazione della propria
identità, dell’espressione di sé e del proprio pensiero.

Sono battaglie che hanno radici lontane e che il 28 giugno del 1969 –
quando gay, lesbiche e trans si ribellarono per la prima volta alla
polizia – portarono alla nascita del movimento di liberazione
omosessuale. Dopo più di 50 anni molte cose sono cambiate ma non lo
spirito che anno dopo anno anima il Pride: liberazione dei corpi, dei
sentimenti, delle relazioni in una manifestazione che afferma il
diritto, fondamentale, di ogni persona, all’autodeterminazione sul
corpo e nelle scelte di vita. “La libertà – si legge nel documento del
Sardegna Pride 2022 – è la prospettiva ideale dell’impegno e della
lotta per il riconoscimento dei diritti umani fondamentali, a partire
dalla dignità, ossia diritto ad avere diritti. Ogni persona, senza
distinzione di età, condizione fisica e mentale, sesso, etnia,
religione, grado di istruzione, nazionalità, cultura, impiego,
opinione politica, condizione sociale, orientamento sessuale e
romantico o identità di genere, merita un rispetto incondizionato”.
Per queste ragioni il 2 luglio anche la Cgil sarà presente a Sassari
con il carro Nuovi Diritti.


In questo articolo: