Deidda a Radio Casteddu: “Vaccini e controlli, la Sardegna come le isole della Grecia”

 Salvatore Deidda, deputato di Fratelli d’Italia a Radio CASTEDDU: “La proposta per la Sardegna è quella che hanno adottato le isole greche: le isole sono più facili da controllare, permetteteci di vivere tranquillamente, andare avanti con i vaccini e controllare chi arriva per portare avanti una vita normale”

 Salvatore Deidda, deputato di Fratelli d’italia a Radio CASTEDDU: “La proposta per la Sardegna è quella che hanno adottato le isole greche: le isole sono più facili da controllare, permetteteci di vivere tranquillamente, andare avanti con i vaccini e controllare chi arriva per portare avanti una vita normale”.
“Governare tutti insieme è difficile. Ricciardi dovrebbe avere un freno, sta avvenendo quello che noi tenevamo, non si può unire il diavolo e l’acquasanta per governare, nonostante i buoni propositi.
Lo Smart working? secondo me è un tema così complesso non si può buttare con una battuta facendo credere che tutti i dipendenti pubblici siano dei “fannulloni” perché per tornare in ufficio servono dei protocolli ben precisi e se da un lato chiedono lockdown e le persone non devono circolare, immagino cosa voglia dire portare tutto il personale nel tribunale e negli uffici per evitare queste varianti. I controlli andrebbero fatti nei porti e negli aeroporti cosa che oggi manca e in passato sono stati inesistenti. Quando la legge prevedeva che dalla Spagna e da altre nazioni dovevano esserci dei controlli questi non venivano effettuati; se vogliamo evitare le varianti dall’estero dobbiamo blindare l’Italia con dei controlli accurati. La proposta per la Sardegna è quella che hanno adottato le isole greche: le isole sono più facili da controllare, permetteteci di vivere tranquillamente, andare avanti con i vaccini e controllare chi arriva per portare avanti una vita normale”.
Risentite qui l’intervista a  Salvatore Deidda del direttore Jacopo Norfo
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: