Coronavirus, nuove norme per le messe in Sardegna: niente scambio di pace e via l’acqua benedetta

Ecco le indicazioni della Conferenza Episcopale sarda; la comunione sulle mani e non sulla bocca. Per lo scambio di pace niente più stretta di mano, “ma si adotti un gesto di reciproca attenzione con i vicini di banco” e via l’acqua benedetta dalle acquasantiere

Coronavirus, nuove norme per le messe in Sardegna. Ecco le indicazioni dei vescovi sardi per le funzioni religiose. Le celebrazioni sono confermate, come anche i momenti di preghiera della quaresima (Via Crucis, liturgie penitenziali, adorazioni eucaristiche). Ma con alcune prescrizioni: i fedeli devono ricevere la Comunione sulle mani e non sulla bocca. Per lo scambio di pace niente più stretta di mano, “ma si adotti un gesto di reciproca attenzione con i vicini di banco, mantenendo quindi l’invito liturgico. Infine via l’acqua benedetta dalle acquasantiere.
Ogni singolo Vescovo proporrà ulteriori indicazioni anche circa eventuali manifestazioni, eventi e spettacoli.
Infine la preghiera: “si raccomanda di inserire nella preghiera universale un’intenzione affinché il Signore conceda il dono della guarigione ai malati, della consolazione a chi è nel dolore, e illumini gli operatori sanitari e tutti i responsabili del bene comune”


In questo articolo: