Caso Pitzalis-Piredda, la mamma di Manuel: “Spero che la mano assassina che ti ha ucciso paghi a vita”

“Spero che la mano assassina che ti ha ucciso paghi a vita”: la mamma di Manuel Piredda, l’ex compagno di Valentina Pitzalis, torna alla carica. Con un post di dolore e rabbia per l’anniversario della morte del figlio, mentre la Procura va verso la riesumazione del suo cadavere per stabilire la verità

“Spero che la mano assassina che ti ha ucciso paghi a vita”: la mamma di Manuel Piredda, l’ex compagno di Valentina Pitzalis, torna alla carica. Con un post di dolore e rabbia per l’anniversario della morte del figlio, mentre la Procura va verso la riesumazione del suo cadavere per stabilire la verità. Roberta Mamusa scrive: “Tra tre giorni,sarà il tuo settimo anno in cielo??? ,il ricordo di questo giorno in cui andasti a portare i documenti al tuo avvocato ,il pomeriggio prima eravamo in camera tua a smistare le fotocopie,quanto abbiamo riso dividendo in tre parti quel fardello di fotocopie e quanti caffè mi hai fatto fare ho impresso come se fosse ora “dai ma mi fai un caffè” e io ha dirti ma quanti ne bevi e tu ridevi con tutta quella ferraglia in bocca. Se solo avessi immaginato che erano i tuoi ultimi giorni di vita,mai lo avrei pensato,che dolore disumano Manuel ,un dolore che non si può spiegare ,ti corichi e ti svegli e il pensiero sei tu,mi sento impotente di fronte a questo ,spero che la mano assassina che ti ha ucciso paghi a vita, ma è una magra consolazione TU NON TORNERAI INDIETRO,non ci sarà mai una consolazione ,mai .Ti voglio bene amore mio darei la vita per stringerti e baciarti anche solo per un minuto