Carnevale Tempiese 2018, si è conclusa la più bella festa dell’anno 

Pioggia e cielo cupo non hanno fermato l’ultimo atto del Carrasciali Timpiesu 2018: una sfilata corposa, allegra, musicale, colorata incurante del freddo e della neve, fra ali di pubblico partecipe e maschere in grande spolvero, ha ufficialmente chiuso il Carnevale Tempiese

Neve, tanta neve. Freddo, molto freddo. Pioggia e cielo cupo non hanno fermato l’ultimo atto del Carrasciali Timpiesu 2018: una sfilata corposa, allegra, musicale, colorata incurante del freddo e della neve, fra ali di pubblico partecipe e maschere in grande spolvero, ha ufficialmente chiuso il Carnevale Tempiese.

Oltre 4.500 figuranti, carri, gruppi, musiche e coreografie limitate a causa della nevicata hanno comunque coinvolto i presenti. Gli Sbandieratori di Arezzo, ormai piacevole presenza della più amata festa popolare hanno aperto il corteo .  Le Latin Majorettes in alta uniforme, incuranti del gelo, hanno affrontato il percorso insieme ai ballerini cubani professionisti Angela Jauregui e Momar Mane. Il gruppo “misto”, formato da venti ballerine (majorettes e corpo di ballo), ha presentato coreografie inedite e originali, preparate appositamente per questo evento, unendo ai ritmi cubani l’utilizzo del Baton Twirling.

Accattivanti, coinvolgenti e brillanti i musicisti della Banda Città di Tempio hanno dato ritmo e musica. Silenziose e lente, quasi giunte da un tempo diverso, le figure di ieri de “La Mascara Gaddhuresa”, hanno completato l’organico che ha accompagnato un trionfante e rotondo Re Giorgio verso il suo destino. Immancabile Mannena,  supportata da irriverenti Pulcinella in piena sintonia con il tema del Carnevale Tempiese 2018.

Il Carnevale Tempiese è anche un concorso fra carri e gruppi. A vincere la sezione Carri Allegorici è stata “La Cionfra”, con ” ius Soli Apaches”. Affiatati come mai, nonostante la neve, hanno affrontato il percorso con il passo dignitoso di veri Apache. Applausi a scena aperta e un tripudio di coriandoli e fiocchi di neve per suggellare una vittoria importante per la storia del gruppo.

Secondi sul podio “Quelli del Karnevale” con “Scacco matto al Re”; terzi i ragazzi del “New Group” con “UPpesi a un filo”.

Fra i gruppi estemporanei lo scettro del vincitore è andato alla “Compagnia di San Giuseppe” con “Gli scozzesi”, seguiti dai “Vampiri ” con “Li Barabattuli” e terzo classificato il gruppo de “Li Scasciati”con “La Regina dei Colori”.

Coppe, applausi e riconoscimento popolare per tutti i finalisti.

Il processo

Le battute finali, quelle dedicate allo storico e atteso processo, hanno visto sul palco Il giudice (Achenza) l’avvocato (Fausto Pischedda) e il Notaio (Giuseppe Anfossi), e il sindaco Andrea Biancareddu (Luigi Pirinu) che, nel tempo record di otto minuti, hanno saputo sciorinare accuse, colpe e ultime volontà del Sovrano che, dopo qualche minuto è stato ridotto in cenere, mantenendo fede alla tradizione…