Capoterra, arrestato un latitante dai Forestali durante un’operazione anti bracconaggio

E’ un uomo di Capoterra, ecco di chi si tratta: accerchiato dai Forestali e arrestato un latitante

Capoterra, arrestato un latitante dai Forestali durante un’operazione anti bracconaggio. Mercoledì 15 gennaio, nel corso di un’operazione antibracconaggio, il personale della  Stazione Forestale di Capoterra e del Nucleo Investigativo dell’Ispettorato di Cagliari, ha arrestato  un latitante evaso dal 22 ottobre 2019 dal carcere di Alghero.

A seguito di un’attività di presidio e controllo del territorio,  i Forestali hanno individuato in località Bacchi Alinu in agro di Capoterra, una baracca mimetizzata nel folto della vegetazione.

La baracca  si presentava a prima vista  in stato di abbandono ma  alcuni elementi, come il letto con le lenzuola e la presenza di vivande  dimostravano che fosse abitata  e frequentata. Inoltre, in prossimità della baracca era stato realizzato un sentiero funzionale all’esercizio dell’uccellagione.

Si è proceduto quindi ad un’attività mirata di appostamento e controllo e si è  accertato  che nei pressi  si aggirava una persona con abbigliamento mimetico e zaino.

Mercoledì 15 gennaio è scattata l‘operazione. Intorno alle ore 12 in  un sentiero in prossimità della baracca, è stato bloccato l’individuo, il quale non opponeva alcuna resistenza. A seguito della perquisizione, l’uomo è risultato in possesso di un coltello di genere proibito e di 4 munizioni caricate con pallettoni.

L’identificazione ha consentito di stabilire che si  trattava di E. G., 54 anni di Capoterra,  latitante  dal 22 ottobre 2019  poiché  evaso dalla casa di reclusione di Alghero dove stava scontando una pena  di 9 anni per rapina   (fine pena prevista a settembre 2024).

L’individuo  non si era ripresentato  in carcere dopo un permesso di 3 giorni, dandosi alla macchia.

Dopo il fermo sono state eseguite le perquisizioni nei diversi nascondigli individuati, tra cui anche un anfratto roccioso, nel quale si rinvenivano lacci per catturare cervi e cinghiali, reti per l’uccellagione, nonché 96 munizioni  costituite da cartucce caricate a pallettoni e da proiettili di fucile  calibro 273.

Dagli elementi raccolti  e dal materiale sequestrato, emerge che il Garau traeva sostentamento grazie all’attività di bracconaggio, praticata con fucile e lacci.

L’arresto e la condanna

Su coordinamento del Magistrato di turno, l’arrestato è stato condotto al Carcere di Uta a disposizione del Giudice.

E.G.  processato per direttissima per la sola evasione e stato condannato ad 1 anno e 3 mesi di reclusione .

Sono ora in corso indagini per verificare la rete di complicità che ha coperto la latitanza,  considerato che l’area dove il latitante è stato fermato è una zona di caccia.

L’operazione, definibile ad “alto rischio”,  si inquadra  nell’attività sempre più efficace  di contrasto del fenomeno del bracconaggio e di capillare controllo del territorio  da parte del Corpo forestale  della Regione Sardegna  a tutela della legalità e della protezione dell’ambiente e della biodiversità.


In questo articolo: