Cala Gonone, depredata la barca di una guida turistica: “Hanno rubato ecoscandagli e gps”

Il furto subìto da Paolo Insolera, famoso organizzatore di escursioni marine nelle splendide acque di Dorgali: “Danni totali per 15mila euro, una brutta botta per me e la mia famiglia. Aiutatemi a ritrovare gli oggetti rubati”. Ecco l’elenco

Un furto assurdo, compiuto sfruttando l’oscurità ma in un’area, il porto turistico di Cala Gonone, controllato da alcune telecamere. Qualcuno, mercoledì sera, è salito a bordo della barca di Paolo Insolera, 34enne bolognese ma da anni trapiantato a Dorgali. L’uomo è una guida turistica ufficiale e, da molto tempo, fa conoscere le meraviglie dei fondali sardi a turisti e studenti. Da qualche giorno, però, il suo lavoro risulta azzoppato: “Chi è entrato dentro la barca ha rubato, tra lw altre cose, un ecoscandaglio Furuno da duemila euro, un gps dello stesso valore, una ricetrasmittente Lowrance da 500 euro, due computer di bordo, il quadro elettrico e gli indicatori del carburante del valore di cento euro. I danni totali toccano i quindicimila euro, ho già fatto denuncia ai carabinieri”, afferma l’uomo. Giovedì mattina, dopo essersi accorto del furto, Insolera spiega di aver ricevuto tante visite “da parte di semplici cittadini, rimasti indignati per il gesto, ma anche di colleghi”. L’uomo ha già presentato una dettagliata denuncia per furto aggravato ai carabinieri.

E sono stati proprio questi ultimi a dargli una grossa, ma temporanea, mano d’aiuto: “Mi hanno prestato qualche strumento per poter svolgere le visite guidate, ma mi sto già dando da fare per cercare ecoscandagli e gps, usati, su internet. Voglio comunque lanciare un appello: se qualcuno dovesse proporvi, magari a prezzi stracciati, un ecoscandaglio, un gps o una ricetrasmittente con lo stesso marchio di quelli che mi hanno rubato, chiamatemi subito al +393913732536”.


In questo articolo: