Cagliari travolto dalla Fiorentina: 3-5, Rastelli surclassato da Sousa

Il Cagliari travolto per la prima volta in casa subisce 5 gol dai viola e segna quando è troppo tardi. malissimo la difesa e il centrocampo, bella la reazione finale. Discutibili alcune scelte del tecnico e l’atteggiamento tattico

di Jacopo Norfo

Kalinic e Bernardeschi, due extraterrestri al sant’Elia. Il Cagliari resta a guardarli allibito e attonito come davanti a degli Ufo. La Fiorentina passeggia e fa cinque reti, poi viene fuori l’orgoglio rossoblù di una squadra che non si arrende mai. Finisce 3-5 ed è la prima sconfitta stagionale in casa per la squadra di Rastelli, che però questa volta è stato nettamente surclassato sul piano tattico dal collega viola Sousa.

Tardivo l’ingresso di Melchiorri eroe a san Siro, discutibile la scelta di inserire Salomon titolare in una difesa che si conferma il punto debole della squadra, soltanto il Crotone ha subito più reti del malcapitato Storari. Male però anche il centrocampo ed è lì che la Fiorentina ha letteralmente dominato con giganti del calibro di Borja Valero e con un Bernardeschi da Nazionale, che ha duettato con lo strepitoso Kalinic autore di una tripletta. Due le reti di Bernardeschi quasi mai contrastato dal centrocampo rossoblù e da una difesa letteralmente imbambolata. Come davanti a due extraterrestri.

La sconfitta è figlia probabilmente anche dell’euforia della vittoria a Milano con l’Inter: il Cagliari dopo il gol lampo di Di Gennaro si è letteralmente sciolto come neve al sole. Ha provato a rientrare in partita con le reti di testa di Capuano e Borriello, ma era troppo tardi. Ingiustificabile subire 5 reti in casa in quel modo. Benvenuti nella vera serie A. 

jacopo.norfo@castedduonline.it



In questo articolo: