Cagliari, quelle navi cariche di bovini con la lingua blu: il caso finisce in Parlamento

La deputata Emanuela Corda: “Si intervenga per tutelare la salute dell’uomo e degli animali”

“E’ davvero inaccettabile constatare le condizioni nelle quali gli animali vivi siano trasportati via nave, spesso in completa violazione delle norme europee e nazionali e in condizioni terribili”. Queste le parole della deputata Emanuela Corda in riferimento alla notizia delle due imbarcazioni cariche di 1776 bovini che da due mesi vagano nel Mediterraneo senza possibilità di attracco.

“C’è preoccupazione per le condizioni igienico-sanitarie degli animali presenti sulle navi partite dalla Spagna e affetti dalla lingua blu. Le autorità del centro nazionale per la salute degli animali hanno rifiutato di approvare l’ingresso del bestiame malato prima in Libia, poi nel porto di Cagliari, e pare addirittura che alcuni animali deceduti siano stati gettati in mare o che altri cadaveri siano ancora dentro la nave. Una situazione inaccettabile”.
Per questo Corda, attraverso un’interrogazione, ha chiesto l’intervento immediato dei ministri di Trasporti e della Salute.

“Occorre che le competenti autorità intervengano per porre rimedio alla terribile situazione a bordo della nave al fine di garantire il benessere degli animali”, chiude Corda.


In questo articolo: