Cagliari, pace fatta tra la negoziante Stefania e il violinista Jacob, e lui ammette: “Ho sbagliato ad urlare” (VIDEO)

L’incontro, il chiarimento e l’abbraccio tra Stefania Donadon e Jacob Gonzalez dopo il litigio e la chiamata al 112 di sabato. Lui si scusa: “Mancare di rispetto alle persone non va bene, tutti possiamo sbagliare”. E lei rilancia: “Vieni a suonare anche dentro il mio negozio, ti pagherò: sei un artista e non devi chiedere l’elemosina”. GUARDATE Il VIDEO ESCLUSIVO

Scoppia la pace tra Stefania Donadon e Jacob Gonzalez, tanti abbracci forti e intensi nel cuore di quella via Manno a Cagliari diventata, sabato scorso, teatro di uno scontro che, alla fine, vede due vincitori: la negoziante e il musicista. Si sono incontrati e si sono chiariti, tra ammissioni di colpe e promesse di collaborazione. La Donadon, sabato scorso, aveva chiamato i carabinieri: “Non per la musica alta che usciva dalle casse messe dal violinista, ma perchè lui mi ha urlato e ho avuto paura”. Sui social tantissimi avevano difeso Jacob, puntando il dito contro la Donadon. E, per quanto il gesto di chiamare il 112 abbia magari contribuito a scaldare ancora di più gli animi, è lo stesso musicista ad ammetterlo: “Ho sbagliato ad urlare, mancare di rispetto alle persone non va bene. La commerciante mi ha chiesto di abbassare il volume, sono violinista e ho il violino attaccato all’orecchio e non sento molto bene. Chiedo scusa, non voglio conflitti o problemi”, dice l’artista, guardano fisso negli occhi la titolare di vari negozi di abbigliamento della via Manno.
E lei rilancia: “Ero spaventata dalle sue urla, ho avuto paura. Avevo chiesto di abbassare il volume. Quando vuoi”, dice a Jacob, “vieni da me a suonare. Ti pagherò, sei un artista e non devi chiedere l’elemosina. Devi essere pagato da tutti i commercianti di via Manno, per fare i tuoi spettacoli. Amo la musica, dentro i miei negozi c’è sempre, ma non è alta”, prosegue, ridendo, la Donadon. Poi, l’ennesimo abbraccio tra i due. E una polemica, che rischiava di mettere in cattiva luce tutti e due, creando anche “tifoserie” sui social, che è stata spenta in pochi minuti. Bastavano due chiacchiere e un po’ di calma. Ci sono state e, seppur dopo lo scontro, va comunque benissimo così. Via Manno continuerà ad essere, a Cagliari, una delle strade dove commercio e arte non solo si possono incontrare, ma convivere.


In questo articolo: