Cagliari, allarme a Monte Claro: “Cigni, oche e galline in piccoli recinti”

Annarita Salaris, storica  animalista a Radio Casteddu spiega: “Abbiamo constatato le condizioni degli animali, le oche vivono insieme alle galline e ai galli in uno spazio veramente non solo vergognoso per come è tenuto, perché l’acqua è putrida e gli animali sono tutti ammassati”

Annarita Salaris, storica  animalista a Radio Casteddu spiega: “Cigni, oche e galline rinchiusi in piccoli recinti a Monte Claro”.
“Siamo stati contattati due giorni fa da alcune persone che si trovavano al parco, zona uffici ex provincia, e ci hanno chiamato in causa perché c’è una situazione abbastanza vergognosa: ci sono degli animali che vivono segregati all’interno di alcune gabbie, tra questi c’è un cigno con il suo piccolino e abbiamo anche intravisto, nel sopralluogo che abbiamo fatto venerdì, delle uova che non si capisce se devono essere covate oppure no. Sono su dei pezzi di legno con dei blocchetti e il cigno ha disposizione una bagnarola di 50 cm.
Abbiamo constatato le condizioni degli animali, le oche vivono insieme alle galline e ai galli in uno spazio veramente non solo vergognoso per come è tenuto, perché l’acqua è putrida e gli animali sono tutti ammassati.
Ora mi rivolgerò alla procura della Repubblica perché questo è maltrattamento degli animali”.
Risentite qui l’intervista di Paolo Rapeanu e Gigi Garau
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: