Cagliari, ecco il nuovo comandante regionale dei carabinieri: Francesco Gargaro al timone

Cambio della guardia tra due generali dei carabinieri in Sardegna

Stamattina, alle 11:30, nella Piazza d’Armi del Comando Legione Carabinieri Sardegna, alla presenza del Comandante Interregionale “Podgora”, Generale di Corpo d’Armata Enzo Bernardini e delle principali Autorità cittadine e regionali, si è svolta la cerimonia di cessione/assunzione del Comando della Legione tra il Generale di Brigata Francesco Gargaro ed il Generale di Brigata Stefano Iasson. Dopo due anni e nove mesi di comando dell’isola, caratterizzati non solo dal difficile periodo di pandemia ma anche da numerose operazioni di servizio a tutela della sicurezza pubblica, in particolare nel contrasto del traffico di stupefacenti, il Generale Gargaro torna a Roma per dirigere il “Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale”, reparto specializzato, a competenza nazionale, deputato a garantire la sicurezza e la salvaguardia del patrimonio culturale e paesaggistico nazionale, anche all’estero. Il Generale Gargaro, 57 anni, brindisino, vanta una lunga esperienza nei comandi territoriali dell’Arma avendo comandato le Compagnie di Bianco, Viareggio e Roma Casilina e, successivamente, il Gruppo di Castello di Cisterna ed i Comandi Provinciali di Catania e Roma, oltre che il 10° Battaglione Carabinieri Campania a Napoli. Ha inoltre maturato una diversificata esperienza di staff con diversi incarichi in Uffici dello Stato Maggiore del Comando Generale, tra i quali Capo Ufficio Personale Marescialli e Capo Ufficio del Comandante Generale dell’Arma. Il Generale Stefano Iasson, 59 anni, viterbese, nella sua lunga carriera ha comandato il Nucleo Radiomobile di Milano, la Compagnia di Frascati e ha avuto diversi incarichi presso il 1° Battaglione Carabinieri Paracadutisti “Tuscania”, del quale è stato anche il Comandante. Ha svolto numerose missioni all’estero, in particolare a Sarajevo, Pec (Kosovo) e Kabul. È stato Comandante del 7° Reggimento Trentino Alto Adige, del Reparto Operativo di Messina, del Comando Provinciale di Padova e della 2^ Brigata Mobile, dalla quale proviene. Anche lui ha ricoperto diversi incarichi di Stato Maggiore al Comando Generale dell’Arma.


In questo articolo: