Cagliari, cinema in piazza bloccato dai troppi tavolini? “Falso, c’è tantissimo spazio libero”

Scoppia la guerra per gli eventi in piazza del Carmine, gli organizzatori del cinema all’aperto annullano tutto: “Non possiamo mettere anche le bancarelle, colpa anche di sedie e tavoli dei locali”. Ma i ristoratori non ci stanno: “Occupiamo poco spazio, stiamo solo cercando di lavorare per salvarci dalla crisi causata dal Covid”

In piazza del Carmine a Cagliari scoppia la guerra per gli eventi estivi che, nelle intenzioni dell’amministrazione comunale e dei titolari di vari negozi, dovrebbero contribuire a far risorgere la piazza. Il cinema all’aperto salta, gli organizzatori dell’Ulaas hanno scritto una lettera dove rinunciano all’evento anche perchè “ci sono i tavolini di ristoranti e bar e le giostrine. Fare solo il cinema non ci conviene visto che non possiamo mettere le nostre bancarelle. E poi ci hanno chiesto una nuova valanga di documenti, potremmo iniziare solo a fine giugno. Non siamo cavie”. Apriti cielo. I ristoratori della piazza e delle strade adiacenti non ci stanno. Tra loro c’è Esmeralda Savori, titolare di un ristorante nella via Sassari che attende ancora di essere ufficialmente pedonalizzata: “Una grande fesseria, non ho potuto ancora mettere i miei tavoli all’esterno, nonostante i cartelli l’area non è ancora pedonale. E comunque, in piazza non metterò nemmeno un tavolino, non ho fatto la richiesta. Ho il locale ancora chiuso”.
Chi, invece, in piazza del Carmine ha una quindicina di tavoli è Nicola Baccoli, alla guida di un locale food: “Lo spazio che occupo è pochissimo, la piazza è grande e il mio è l’unico locale, che, attualmente, ha tavolini e sedie posizionati sulla pavimentazione della piazza. Il bar”, osserva Baccoli, “ha tavoli e sedie, ma nella zona delle aiuole. Peccato, il cinema all’aperto era una bella iniziativa, forse gli organizzatori avevano bisogno di più spazio per mettere anche le bancarelle. Noi stiamo solo cercando di lavorare per salvarci dalla crisi generata dal Coronavirus”.


In questo articolo: