Cagliari, boom di giovani che vogliono fare i commessi: “Tanti si accontentano di un part time”

Ragazzi e ragazze, soprattutto studenti, bussano ai negozi di abbigliamento di via Garibaldi e via Manno, in netto aumento da quando c’è la zona bianca: “Per 6 ore al giorno prendono anche 900 euro, paga buona per chi ha meno di 30 anni: e, soprattutto, fanno solo le ore previste dal contratto, non come in altri settori”. GUARDATE le VIDEO INTERVISTE

Zona bianca, si torna alla vita e, naturalmente, bisogna anche lavorare. Nell’ultimo mese sono in netto aumento le richieste di lavoro, da parte di giovani, per fare i commessi e le commesse nei negozi di abbigliamento del centro di Cagliari, soprattutto in via Garibaldi e via Manno: “E si accontentano di un part time”, raccontano i vertici dell’associazione dei commercianti “Strada Facendo”. Le ore da fare e i soldi che entrano a fine mese? “Per chi fa sei ore si parla di novecento euro, una buona paga per chi ha meno di trent’anni”. Il full time va guadagnato sul campo. Stefano Rolla, il presidente, spiega: “La richiesta è sempre costante, e arriva anche da parte delle aziende, molte cercano commessi part time per riattivarsi ora che siamo nel periodo della ripresa. Molti ragazzi chiedono un posto di lavoro e hanno anche curriculum importanti, a 27 anni hanno già esperienze lavorative lunghe sei anni. Si accontentano del part time, poi sta alla loro bravura arrivare al full time, se uno vale viene tenuto dal negoziante. Noto che c’è il rispetto degli orari, se le ore da fare son 4 può capitare al massimo che siano 4 e mezzo perchè c’è un cliente che ti trattiene, non sono mai otto”, cioè il doppio, “come capita in altri settori, non solo in quello della ristorazione. Penso che 800 o mille euro al mese per chi non ha ancora trent’anni vadano bene, c’è chi utilizza la cifra per divertirsi e chi per incominciare a costruirsi una vita, sono sempre soldi”.
Concorde il presidente onorario di “Strada Facendo”, Paolo Angius: “Sì, è tornata la fame di lavoro, mi ricorda il mio passato, quando sono partito speranzoso in Inghilterra per fare tanti lavoretti, anche il commesso, perchè a Cagliari non c’erano posti. Oggi, invece, ci sono, e sono soprattutto gli studenti che vogliono lavorare come commessi d’estate per avere i soldi per farsi, poi, le ferie. È vero”, conferma Angius, “molti si accontentano di un part time, altri hanno il contratto di inserimento al lavoro, regionale, anche se ora la Regione ha finito i fondi. È una quota di 400 euro per lavorare sei ore al giorno tranne domenica e lunedì, quindi si ha del tempo libero. Per gli altri contratti, regolati dalle leggi nazionali, lo stipendio è quello classico, calcolato in base al numero di ore fatte. Chi ne fa sei guadagna, al mese, 800 o 900 euro”. Soldi che bastano? “È un part time, e comunque dipende molto da quanti giorni si lavora. Più lavori e più guadagni”.


In questo articolo: