A spasso in città, gira video e prende in giro chi resta a casa: nei guai 33enne di Carbonia

È costato molto caro a un giovane un “tour di protesta” contro i divieti per Coronavirus. I suoi filmati, postati su Facebook, sono stati visti anche dai carabinieri, che l’hanno rintracciato in un battibaleno

È uscito da casa e ha pubblicato ben quattro video su Facebook nei quali ha preso in giro tutti quei cittadini che, rispettosi delle regole sul Coronavirus, erano dentro i loro appartamenti. Quei filmati, però, sono stati visti anche dai carabinieri, che sono riusciti a risalire all’uomo, C.M., 33 anni, nel giro di poche ore. I militari l’hanno denunciato per istigazione a delinquere, istigazione a disobbedire alle leggi e inosservanza dei provvedimenti dell’autorità. Le indagini svolte hanno consentito di appurare che il 33enne, dopo essersi recato in piazza nella frazione di Cortoghiana, senza nessuna giustificazione, ha realizzato 4 video e li ha diffusi sul suo profilo Facebook. Nei filmati si sentono, in modo sin troppo chiaro, sfottò e prese in giro verso gli abitanti “rinchiusi” dentro gli appartamenti e incitazioni a “scendere in piazza per protestare”. disobbedendo alle disposizioni.