A Quartu boom del rap tra i giovanissimi: “Lezioni con esperti nella scuola civica di musica”

Cantare in rima continua sopra una base è tornato di moda e, nella struttura comunale, sono in arrivo corsi ad hoc. Il direttore artistico Giacomo Medas: “Rapper già a 9 o 10 anni, insieme alla fisarmonica e al body percussion possiamo creare nuove classi e musicisti”. Intanto, nuove regole: “Una volta pagati i 150 euro dell’iscrizione non si potranno più chiedere indietro i soldi”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Ci sono il solfeggio, l’immancabile flauto, poi il clarinetto, il violino, la viola, il violoncello, il contrabbasso, l’arpa, il pianofortem, la chitarra e il canto, sia lirico sia moderno. Ma alla scuola civica di musica di Quartu, presto, sarà possibile anche apprendere tutti i trucchi del rap. Il direttore artistico Giacomo Medas ha già spedito delle comunicazioni agli uffici comunali: “Abbiamo già svolto concerti in alcune scuole, scoprendo che già bambini di otto e nove anni sanno rappare e sono appassionati del genere. Siamo intenzionati a fare laboratori di rap, fisarmonica e body percussion, in modo da creare nuove classi e nuovi musicisti”. Gli esperti non mancano, pronti a far cantare in rima continua i giovanissimi: “Con la creazione di laboratori sarebbe possibile compiere un ulteriore salto di qualità per una realtà come la nostra, che conta circa 450 iscritti”. Qualche novità potrebbe arrivare a breve, l’ok da parte dell’amministrazione comunale sembra essere scontato.
Intanto, la Giunta Milia ha varato nuove regole per chi si iscrive alla scuola civica di musica: una volta pagati i 150 euro, in caso di rinuncia non sarà possibile riavere i soldi indietro: “Chi decide di abbandonare dopo qualche mese, dati alla mano, è ancora una percentuale abbastanza bassa”, osserva Medas.


In questo articolo: