“A Nurri bimbi senza pediatra da 5 mesi, se si ammalano come facciamo? Vergogna”

Impossibile prenotare una visita pediatrica nel paese, il pediatra non c’è da prima dell’estate. L’ira di una giovane mamma, Martina Lampis: “Nell’ospedale più vicino non c’è il reparto pediatrico. I bimbi sono il nostro futuro e vanno protetti in ogni momento”

A Nurri va avanti l’emergenza legata all’assenza di un pediatra. Nel paesino sardo, i piccoli sono costretti a sobbarcarsi, in auto con i genitori, tanti chilometri prima di poter essere visitati. Una situazione, stando alla denuncia di una delle mamme del paese, Martina Lampis, 25 anni, che va avanti ormai “da cinque mesi. Mio figlio ha un anno e 4 mesi, l’ultima volta che l’ho potuto portare dal pediatra aveva undici mesi. Per la nostra comunità, che segna un alto tasso di natalità, è una situazione tremenda”, denuncia la donna, “oltre che vergognoso. Ci troviamo in un periodo particolare, legato ancora all’emergenza Covid. Non c’è un reparto pediatrico nemmeno nell’ospedale più vicino, siamo costrette a fare anche quindici chilometri per raggiungere Isili”, prosegue Martina Lampis. Novità o annunci? Zero: “Ci era stato detto che sarebbe arrivata una nuova pediatra, già nei giorni successivi al pensionamento del suo collega, ma poi non si è visto mai nessuno”. E le situazioni di criticità, ovviamente, non mancano: “C’è chi è senza auto e, quindi, non può raggiungere i paesi dove c’è uno studio pediatrico”.

 

“I bambini rappresentano il futuro della società, oggi noi genitori di Nurri siamo dimenticati da tutti. Così non si può andare avanti, dateci un nuovo pediatra”.


In questo articolo: