“A Cagliari 50 telecamere e agenti contro gli incivili dei rifiuti: città più pulita”

La città disseminata di occhi elettronici, tempi duri per i “furbetti” dell’immondezza. L’assessore Guarracino: “Telecamere con sistema di intelligenza artificiale, i vigili possono indagare chi abbandona rifiuti: la città è più pulita”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

Tempi duri per i furbetti dei rifiuti, in tutta Cagliari il Comune è riuscito a posizionare “oltre cinquanta telecamere, tutte dotate di un sistema di intelligenza artificiale”, grazie al quale è possibile “riconoscere” chi abbandona la spazzatura. Come? A spiegarlo è l’assessore comunale dell’Igiene del suolo Alessandro Guarracino: “Riusciamo a seguire l’attività svolta dalla persona e il filmato viene esaminato dai vigili” che riescono a “indagare” il “caddozzo” di turno. Niente riconoscimento facciale, “ma c’è un sistema che ci consente di capire le abitudini della persona e di arrivare alla sua identità”. Le multe continuano a fioccare, anche grazie a questo sistema integrato tra occhi elettronici moderni “e agenti in borghese. Stiamo avendo ottimi risultati”, precisa l’assessore, “anche contro chi, a piedi, abbandona i rifiuti”.
E la città “è più pulita. C’è qualche episodio ma è un effetto collaterale accettabile”, assicura Guarracino, “il nostro obbiettivo è quello di eliminare del tutto queste situazioni”.


In questo articolo: