Valentina Pitzalis su Rete 4 : “Manuel? L’amore non deve finire così”

Il caso di Valentina Pitzalis su Rete 4 a “Il terzo indizio”, proprio nel giorno in cui Vale con un comunicato stampa risponde alle accuse sulla nuova indagine per omicidio, richiesta dai parenti di Manuel Piredda. Sugli schermi della tv nazionale viene ripercorsa e romanzata con tanto di fiction tutta la vicenda, sino al tragico epilogo: “Per fortuna ho ritrovato il mio sorriso, dopo avere perso ogni cm della mia pelle”

Il caso di Valentina Pitzalis su Rete 4 a “Il terzo indizio”, proprio nel giorno in cui Vale con un comunicato stampa risponde alle accuse sulla nuova indagine per omicidio, richiesta dai parenti di Manuel Piredda. Sugli schermi della tv nazionale viene ripercorsa e romanzata con tanto di fiction tutta la vicenda, sino al tragico epilogo. Valentina Pitzalis col volto sfigurato scandisce le parole e ammette: “La storia di me e Manuel deve essere un monito, l’amore non deve mai arrivare a questo punto. Non può finire così, è questo che mi sforzo di ripetere quando incontro tante ragazze e vedo qialcuna di loro che nel sentire la mia storia mi abbraccia commossa. Io sono rimasta sfigurata, ho subito tanti interventi chirurgici, non ho più neanche un centimetro di quella che era la mia pelle. Ma ho ritrovato il sorriso, quello sì, e quello lo porterò sempre con me”.

“il terzo indizio” è un viaggio a tappe nella storia tragica di Manuel e Valentina. Dal primo incontro sino all’amore, per poi passare alle scenate di gelosia del marito. Lui che la chiude con un chiavistello in casa, lei che urla “Manuel, ma dove vuoi che vada?”, l’amore che si trasforma in ossessione. Una trasmissione che era stata fortemente criticata dai sostenitori di Manuel Piredda, molto presenti sui social network e che ora hanno visto l’inchiesta che clamorosamente si riapre, col ribaltone e la possibile tesi dell’omicidio sulla quale gli inquirenti vogliono vederci chiaro. Poi la scena finale, descritta così: Manuel che la cosparge di benzina, prende l’accendino e si dà fuoco. Ma nessuna fiction su di lui che muore carbonizzato. E il mistero fitto, su una delle storie di cronaca più incredibili della storia della Sardegna, rimane.