Vaccinazioni, la Sardegna arranca: terzultima con l’1,59% ma migliorano le terapie intensive

Vaccini al rallenty nell’Isola mentre le terapie intensive continuano a svuotarsi: occupato il 12 per cento dei letti, abbondantemente sotto la soglia di pericolo. I dati della fondazione Gimbe

È una lotta al Coronavirus a due facce, quella che sta combattendo la Sardegna. Terzultimo posto in Italia per quanto riguarda la somministrazione dei vaccini, tra la prima e la seconda dose solo l’1,59% risulta vaccinato. A dirlo è la Fondazione Gimbe, che ha pubblicato i dati legati all’ultima settimana, pubblicati anche dai principali siti e agenzie nazionali. Va molto meglio, invece, per quanto riguarda i dati del riempimento dei posti letto in reparti standard (diciannove per cento) e in terapie intensive (12%): le soglie di rischio sono ben distanti, ecco anche perchè la Sardegna è destinata a rimanere in zona gialla. Come evidenziato nel report, inoltre,  i casi attualmente positivi per 100.000 abitanti sono 858 contro i 893 della scorsa rilevazione, con una percentuale di incremento dei casi dell’1,7% (2,4% nella precedente).

 


In questo articolo: