Sestu, il dramma di Gianluca: “Diabetico e con la sclerosi, lasciato senza sensori dall’Ats”

Gianluca Aru, da mesi, attende disperatamente una risposta dall’Ats: “Strumento fondamentale per misurare la glicemia per pungersi il meno possibile, è gratuito ma, senza l’aiuto dell’Ats, devo rivolgermi a realtà parallele: è un’ingiustizia”

Gianluca Aru, da mesi, attende disperatamente una risposta dall’Ats: “Strumento fondamentale per misurare la glicemia per pungersi il meno possibile, è gratuito ma, senza l’aiuto dell’Ats, devo rivolgermi a realtà parallele: è un’ingiustizia”
A Radio Casteddu Gianluca Aru spiega: “Soffro di diabete e di sclerosi e l’Ats non mi dà l’opportunità di avere tutto il materiale che mi serve. Ho chiesto il perché e mi hanno risposto che la determina del 2019, di cui sono in possesso, loro non la adottano ancora perché hanno quella del 2016. Quest’ultima non mi dà, in particolare, più sensori di quelli che mi occorrono che aiutano il mio corpo a parlare con il mio infusore di insulina che aumenta o diminuisce il volume di insulina, in modo tale da aiutarmi a non avere troppe iperglicemia o ipoglicemia. È un piccolissimo strumento da porre sull’addome in modo tale da far parlare il nostro corpo con il microinfusore, indispensabile per misurare la glicemia e che permette di pungersi il meno possibile. Non mi vengono forniti quindi a sufficienza e io rimango sprovvisto per diverso tempo o devo chiedere a delle strutture parallele, come i rappresentanti di zona e il centro diabetologico, ma non sempre hanno degli strumenti in più da darmi perché, ovviamente, chi è preposto a darmi questo questi strumenti e l’Ats”.
Risentite qui l’intervista di Paolo Rapeanu
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: