Quartu, slot machine vietate vicino alle scuole: la proposta in Comune

Allo studio dell’amministrazione comunale provvedimenti per contrastare la diffusione delle patologie da gioco d’azzardo

Quartu Sant’Elena, divieto assoluto di posizionare slot-machine nei locali che si trovino a meno di 500 metri da scuole o altri centri di aggregazione giovanile. E’ uno dei provvedimenti che l’amministrazione comunale, su proposta dell’assessorato alla Pubblica istruzione, sta studiando per contrastare la diffusione delle patologie da gioco. La cosiddetta ludopatia (o gioco d’azzardo patologico) è un disturbo che negli ultimi anni ha visto una rapida crescita: secondo alcuni studi, sarebbero quasi 800mila gli italiani schiavi di questa grave patologia che in alcuni casi può arrivare a distruggere la vita e rappresenta quindi un importante problema di salute pubblica, oltre che di rilevanza sociale.

 «Le patologie da gioco si stanno diffondendo soprattutto tra i giovani, e per questo riteniamo opportuno stabilire chiari limiti alla diffusione delle slot-machine in prossimità di “luoghi sensibili” come le scuole» commenta l’assessore alla Pubblica istruzione Guido Sarritzu. «Rifacendoci anche all’esperienza di altre città – prosegue Sarritzu – prevediamo di adottare a breve delle specifiche ordinanze che regolino la presenza di questi giochi d’azzardo elettronici nei luoghi in cui potrebbero più facilmente attirare i ragazzi».