Quartu, basta un intenso temporale per bloccare strade e traffico: “Condotte tutte da ristrutturare”

QUARTU SOTT’ACQUA- Le soluzioni da attuare per gli altri candidati alle primarie del 5 settembre Stefano Secci e Monica Mascia sono precise: “La soluzione definitiva ad un problema che si ripresenta ad ogni acquazzone – spiega Secci – è la ristrutturazione complessiva delle condotte di deflusso delle acque piovane del territorio quartese”

Quartu Sant’Elena. È bastato un intenso temporale per bloccare traffico e strade, un problema che si è ripresentato nonostante “la pulizia delle caditoie è stata fatta nei tempi e in tutte le strade come da programma” ha spiegato il sindaco Stefano Delunas.
Le soluzioni da attuare per gli altri candidati alle primarie del 5 settembre Stefano Secci e Monica Mascia sono precise: “La soluzione definitiva ad un problema che si ripresenta ad ogni acquazzone – spiega Secci – è la ristrutturazione complessiva delle condotte di deflusso delle acque piovane del territorio quartese: i disagi infatti che si verificano in questi casi sono la risultante di un problema di rete di scorrimento, non solo di pulizia e manutenzione ordinaria, che richiede quindi un intervento puntuale”.
Diversi interventi da attuare a seconda della zona della città per Mascia: “Quartu Sant’Elena ha necessità di interventi mirati per risolvere il problema degli
“allagamenti a seguito di temporali o forti piogge”.
Gli interventi da fare sono diversi a seconda della parte di città: “Centro > manutenzione straordinaria della rete delle acque bianche (rete, pozzetti, raccordi, caditoie ecc.) con rimozione dei detriti e residui fissi che si sono accumulati negli anni, dovuti per più ad un’incuria della rete e a una mancata pulizia delle strade.
Quartieri attorno al centro e in costa > Sempre una Manutenzione Straordinaria con in più la verifica puntuale di tutta la rete per accertarne le pendenze e per capire se i lavori di urbanizzazione primaria sono stati eseguiti a regola d’arte e dove si riscontrano gravi inadempienze programmarne il rifacimento.
Controllo accurato di tutto il territorio comunale e qualora si riscontrassero casi in cui la rete sia inesistente o carente, programmare con gli abitanti del luogo gli interventi necessari al corretto deflusso delle acque piovane”.

In questo articolo: