Pula, cittadinanza onoraria a Liliana Segre e tanti appuntamenti contro la violenza sulle donne

“Abbiamo voluto attribuire questo riconoscimento alla senatrice Segre perché rappresentante di quel valore universale di lotta contro ogni forma di violenza e discriminazione” afferma la Sindaca Carla Medau

Nel nutrito calendario predisposto dal Comune di Pula in occasione della Giornata Internazionale per la violenza contro le donne, ci sarà anche il conferimento della cittadinanza onoraria a Liliana Segre ex deportata di Auschwitz e ora sotto scorta a seguito delle minacce via web.

“Abbiamo voluto attribuire questo riconoscimento alla senatrice Segre perché rappresentante di quel valore universale di lotta contro ogni forma di violenza e discriminazione” afferma la Sindaca Carla Medau.

La giornata internazionale contro la violenza sulle donne, a Pula, avrà delle tappe importanti distribuite su tre giornate.

La prima il 25 Novembre, dalle 9.30, con il Consiglio Comunale straordinario che si svolgerà presso il Teatro Maria Carta a cui prenderanno parte gli studenti dell’Istituto Alberghiero Azuni e dell’Istituto comprensivo Benedetto Croce, durante il quale, oltre alla cittadinanza onoraria a Liliana Segre, verrà adottata la “Carta Etica contro ogni forma di discriminazione e di genereA seguire lo spettacolo teatrale a cura de S’arrolliu “Fiori Strappati”.

Il 26 novembre un altro appuntamento importante sempre presso l’Istituto Alberghiero Azuni con “Un muro di libri contro la violenza” letture e riflessioni con i ragazzi a cura della dott. Anna Rosa Zedda e dell’Associazione Luna d’Oriente. A seguire “Lo Yoga contro la violenza”.

Il 27 novembre, alle 17.15, in Piazza del Popolo verrà inaugurato, in collaborazione con Sardegna Ricerche, il “Posto occupato” uno spazio riservato alla memoria di quelle donne che occupavano un posto al cinema, alla fermata dell’autobus, a lavoro e che essendo state vittime di violenza oggi non ci sono più.

A seguire a casa Frau prenderà il via il convengo dal titolo “La violenza sulle donne, la violenza delle parole – una Carta Etica contro ogni discriminazione di genere”.

 Interverranno: la Sindaca Carla Medau, Susi Ronchi (Coord. Giulia Giornaliste); Paola Pintus (Giulia Giornaliste); Manuela Arca (Giulia Giornaliste); Carmina Conte (Presidente Coordinamento 3); Maristella Casula (Presidente Fidapa Sezione Sestu); Monica Tascedda (Avvocata); Massimo Arcangeli (Professore di Linguistica UniCa). A moderare sarà Daniela Paba (Ordine dei Giornalisti, Giulia Giornaliste).

“Si tratta di un convengo molto importante” spiega Carla Medau “che tratta il tema della violenza della parola, spesso sottovalutata. Si parlerà di comunicazione, nella stampa e nei social, al fine di eliminare in qualche modo tutti quei linguaggi che possono creare disparità e discriminazione”.


In questo articolo: