Monserrato, strade devastate dopo il maltempo: operai in azione da Su Tremini a Cuccuru Angius

Buche e maxi pozzanghere ai bordi della Ss 554, il Comune apre nuovamente il portafoglio: 130mila euro per tappare decine di fossi.

Maxi acquitrini e, in alcuni casi, mini paludi. Dopo la pioggia le strade di S’Ecca e S’Arena, Su Tremini, Cuccuru Angius, Terra e Teula e Is Gregorius ai trasformano in Pantani. Impossibile, quasi, camminare, un’impresa passare in auto senza finire con le ruote dentro ad un fosso. Sono i rioni che attendono quegli interventi definitivi di riqualificazione che potranno diventare realtà solo dopo l’adozione del Puc e del Pai. E il Comune, per la seconda volta in due anni, fa ciò che può, cioè mette 130mila euro per far tappare le buche. “C’è una situazione urgente di sicurezza e tutela della salute e incolumità pubblica, ecco perché ho disposto gli interventi di somma urgenza necessari alla messa in sicurezza delle arterie”, spiega il sindaco Tomaso Locci. “In attesa dell’adozione del Puc e dei rispettivi piani di risanamento urbanistico, per la seconda volta dal nostro insediamento del luglio 2019, interveniamo nelle località a nord della 554 con gli unici interventi che le attuali normative urbanistiche ci consentono”.
“Chiedo ai residenti di avere pazienza, la nostra amministrazione dimostra coi fatti che sta facendo tutto il possibile per risolvere le vostre problematiche, dall’adozione del PAI che diminuisce notevolmente il rischio idrogeologico della zona”. Per Locci, infatti, “la situazione che abbiamo ereditato non ci permette di procedere in modo differente”.


In questo articolo: