La professoressa sparita nel nulla, la paura e la speranza dei parenti

Irene Cristinzio, 64 anni, è scomparsa l’11 luglio ad Orosei, in provincia di Nuoro


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Continua ad essere avvolta nel mistero la scomparsa di Irene Cristinzio, la professoressa di Lettere sparita nel nulla lo scorso 11 luglio ad Orosei, in provincia di Nuoro. Quel giorno, la donna uscì di mattina presto da casa, per andare a fare jogging come sempre. Un’abitudine quotidiana la sua, che non destava alcuna preoccupazione né al marito né ai suoi tre figli, sprofondati ormai nella paura, nel dolore e nella preoccupazione da quasi un mese e mezzo. Nessuno riese a darsi risposte, le domande della famiglia della donna sembrano cadere nel nulla e, anche l’intervento dei cani molecolari giunti alcune settimane fa sul luogo della scomparsa, si è rivelato inutile. Della 64enne non ci sraebbe infatti alcuna traccia.

I cani, gli stessi utilizzati nel corso delle ricerche di Yara Gambirasio e Roberta Ragusa, non hanno individuato alcuna traccia ematica o di altro tipo lungo le strade solitamente percorse dalla professoressa. La zona in cui abitava è stata passata al setaccio, ma quello di cui la sua famiglia è convinta è un rapimento. Contrariamente all’ipotesi delle forze dell’ordine che hanno avviato le ricerche, che si basa su un allontanamento volontario, il marito ed il fratello di Irene Cristinzio temono il peggio. Secondo i parenti, la donna, non avrebbe avuto alcun motivo per lasciare casa e quel giorno, non aveva con sé nulla, uscì con una semplice tuta addosso prevedendo, come sempre, di tornare presto.

Ma da allora, i suoi figli non l’hanno più riabbracciata. Su Facebook l’appello lanciato dalla famiglia, dagli amici e dai conoscenti della professoressa, si fa sempre più forte. La descirzione della donna è chiara e, sotto le sue fotografie, vengono evidenziati i numeri di telefono da contattare nel caso di un avvistamento. Sono lo 078498401 e il 340.2687002. I numeri della speranza, quelli tramite i quali, chi amava la 64enne, spera di avere buone notizie.