Gli appuntamenti della settimana all’Exma

Anche nella seconda settimana di settembre proseguono le attività dedicate ai visitatori di tutte le età che animano la mostra Pani e madri. La forza generatrice dell’arte, in corso di svolgimento fino al 27 settembre all’EXMA di Cagliari

Si inizia mercoledì 9 settembre a partire dalle ore 19 con La panificazione domestica 2: il coccoi a pitzus, lavorazioni e simbologie. Si tratta di un corso avanzato di panificazione per adulti della durata di due ore, curato dal Panificio Porta 1918 di Gonnosfanadica. Il maestro Angelo Porta accompagnerà i partecipanti alla scoperta del Coccoi a pitzus, simbolo della cultura sarda, pane artistico per eccellenza, che nelle sue varie forme racconta la Sardegna e i sardi. Dopo aver assistito alla decorazione del coccoi ci si potrà cimentare in prima persona nella creazione del pane matrimoniale. Si consiglia di portare con se un grembiule e una cuffia.

Si prosegue giovedì 10 settembre con inizio alle ore 18.30 con Cuore di pane il laboratorio per bambini dai 4 anni in su a cura di Marco Peri, storico dell’arte ed esperto nella didattica museale. L’attività della durata di circa un’ora e mezza è una lettura animata del libro Cuore di pane di Rosa Iacopini, illustrato da Federico Biancalani. La storia insegna come ascoltare i propri desideri e realizzare i propri sogni. “La Maga del Pane vive nelle briciole che sono lasciate sulle nostre tavole, segue il lavoro del pane e protegge i fornai di tutto il mondo”. Il laboratorio, continua con un’attività sensoriale e itinerante, per scoprire textures e superfici, con le tecniche artistiche del frottage e del grattage.

Infine venerdì 11 settembre spazio alle pietanze del bacino del Mediterraneo con l’evento Sapori Multietnici, degustazione di cibi popolari in collaborazione con Arcoiris onlus. Dopo la visita guidata alla mostra Pani e madri. La forza generatrice dell’arte, effettuata dalla curatrice Simona Campus e alla presenza di alcuni degli artisti in esposizione, sarà possibile degustare un menu ricco di pietanze tra cui il cous cous curdo alle verdure, il riso venezuelano con i fagioli neri e la sangria spagnola in cui naturalmente non mancherà il pane, vera e propria fonte d’ispirazione per le opere in esposizione, con una fantasia di assaggi curdi e nostrani.
La serata avrà inizio alle ore 18.30 e avrà la durata di circa 2 ore e mezza.


In questo articolo: