Gallura, il Quintetto Sardò in concerto tra romanticismo e jazz

Intriganti alchimie sonore per un intenso fine settimana sul filo delle note e delle emozioni con In Itinere, la rassegna organizzata dall’Accademia musicale Bernando De Muro

Intriganti alchimie sonore per un intenso fine settimana sul filo delle note e delle emozioni con di “In Itinere” – la rassegna itinerante organizzata dall’Accademia Musicale Bernardo De Muro con la direzione artistica del pianista e direttore d’orchestra Fabrizio Ruggero – con il patrocinio e il sostegno della Regione Sardegna e dei Comuni di Arzachena, San Teodoro, Santa Teresa Gallura e Palau.

Sotto i riflettori – sabato 5 novembre alle 21 all’Auditorium Comunale Nelson Mandela di Santa Teresa Gallura il Quintetto Sardò, affiatato ensemble cameristico che schiera Luca Soru (primo violino), Mario Pani (secondo violino), Martino Piroddi (viola), Oscar Piastrelloni(violoncello) e Simone Guarneri (contrabbasso) per un eclettico programma – tra Romanticismo e Jazz.

Incipit a tempo di danza, con il celeberrimo Valzer in fa maggiore op. 9 di Franz Schubert, accostato a una Gavotta del francese François Joseph Gossec e alla Danza Ungherese n. 5 di Johannes Brahms per approdare al Novecento con “Fascination” di Fermo Dante Marchetti. Suggestioni d’oltre oceano con indimenticabili standards – da “Summertime” e “The Man I Love” di George Gershwin, a “Misty” di Erroll Garner e “Makin’ Whoopee” di Gus Kahn e Walter Donaldson – accanto alla “Milonga del Angel” e “Oblivion” di Astor Piazzolla; lo spirito gitano di “Jalousie” di Jacob Gade e il Valzer delle Candele di Cédric Dumont, tra citazioni “cinematografiche” come “Schindler’s List” del chitarrista e compositore John Williams.

 

Il Quintetto Sardò sarà di scena anche domenica 6 novembre alle 19 al CineTeatro Montiggia di Palau – dove inaugurerà l’interessante cartellone musicale – cinque appuntamenti dedicati alla musica classica in tutte le sue declinazioni, tra i virtuosismi degli ottoni e raffinate polifonie, il Duo Perfetto e un’antologia di pagine d’opera. La magia degli archi per il concerto d’apertura – che spazia tra due secoli di musica tra romantici accenti, jazz e musica da film.

 

“Giochi di Voci” infine – sempre domenica 6 novembre alle 19 nella chiesa di San Giuseppe a Tempio Pausania per un evento speciale – fuori abbonamento – con il concerto dell’ensemble “In Cantigas” diretto dal maestro Gaetano Mastroiaco per un viaggio tra affascinanti, sacre armonie.


In questo articolo: