“Fuochi d’artificio e plastica in mare a Costa Rei”

La lettera di Alessia di Cagliari: “Al mare vogliamo trovare sabbia pulita, conchiglie e non plastica e centinaia di rotolini ricoperti di plastica di fuochi d artificio. È una vergogna che vengano lasciati in mare, soprattutto con l’emergenza inquinamento che stiamo vivendo”

Fuochi d’artificio e plastica in mare a Costa Rei. La lettera di Alessia. “Sono Alessia una ragazza di 21 anni che abita a Cagliari, ecco cosa ho trovato nelle acque di Costa Rei nella giornata odierna.

Durante una nuotata in una delle coste più belle delle Sardegna, mi sono trovata davanti rotolini ricoperti di plastica. Si tratta del rivestimento dei fuochi d artificio scoppiati sicuramente in mare per Ferragosto.

Sicuramente le “persone” che hanno autorizzato tutto ciò, pensano che ciò che finisce in acqua venga smaltito da qualche “mostro marino annienta plastica”. Invece no ciò che finisce in mare inquina, uccide tutto ciò che incontra senza pietà.

Il pianeta che ci sta ospitando sta morendo, e nel 2019 dove vi vantate delle tecnologie più intelligenti e cercate la vita negli altri pianeti, non avete ancora capito come si vive in un pianeta e come si rispetta soprattutto. Non avete ancora capito che l’uomo è l’unico elemento di disturbo in questo pianeta e se esiste l’emergenza climatica, l’inquinamento e tutti i problemi di cui soffre questo mondo è solo colpa dell’uomo e di nessun altro. Con questo volevo dirvi che questo mondo non è solo popolato da persone ignoranti e senza rispetto per il mondo in cui viviamo, ma anche da persone che rispettano l’ambiente, che vogliono salvarlo e quando vanno al mare vogliono trovare sabbia pulita, conchiglie e le bellezze che ci offre questo pianeta e non plastica e centinaia di rotolini ricoperti di plastica di fuochi d artificio, che in verità sono anche un po’ inutili. È una vergogna che questi rotolini di plastica vengano lasciati in mare, soprattutto con l’emergenza inquinamento che stiamo vivendo”.


In questo articolo: