Fondi ai gruppi, interrogato Petrini: “Le ciotole? Le restituirò”

Accusato di Peculato nell’ambito dell’inchiesta che ha portato a due arresti, gli viene contestata la spesa di poco meno di 6mila euro per l’acquisto di 25 ciotole d’argento.

E’ stato interrogato oggi Onorio Petrini, il consigliere regionale del Pdl indagato per peculato nell’ambito dell’inchiesta sui fondi ai gruppi.le indagini che hanno condotto all’arresto di altri due consiglieri – Mario Diana, ex capogruppo Pdl e ora alla guida di “Sardegna è già domani”, e Carlo Sanjust (Pdl) – ha fatto venire a galla la spesa di poco meno di 6mila euro per l’acquisto di 25 ciotole d’argento.

Spesa contestata a petrini che oggi, a tu per tu con il pubblico ministero Marco Cocco, ha detto di voler restituire. L’interrogatorio, durato un’ora circa, si è svolto in due fasi. Petrini si è infatti alzato lasciando nella stanza i suoi due avvocati, per fare una pausa. Al termine del faccia a faccia, l’odontotecnico cagliaritano si è subito allontanato dalla Procura accompagnato dai legali, Giancarlo Mereu e Mauro Garau, senza rilasciare dichiarazioni. Al pm ha ribadito che era convinto che gli acquisti fatti fossero legittimi.

Il consigliere regionale avrebbe poi presentato documentazione relativa a un orologio sequestrato durante la perquisizione dai carabinieri.