Festa a S. Sperate per i 10 anni della Scuola Civica di Musica

Domani a San Sperate grande festa per celebrare i 10 anni della Scuola civica di Musica

La Scuola civica di Musica di San Sperate- Unione dei Comuni del Basso Campidano compie 10 anni. Per festeggiare la ricorrenza domani, sabato 28 giugno dalle 18.30 nel Giardino Megalitico di San Sperate, è in programma una grande festa della musica.
Saranno ospiti la Banda musicale comunale di Ussana e la Banda musicale Città di Pula che, dirette dal Maestro Maurizio Ligas, proporranno brani tratti da celebri colonne sonore e dalle più belle pagine della musica tradizionale popolare. Si spazierà da marce celebri come If you knew Sousa, like I know Sousa di Gerald Sebes alla suite originale in tre tempi Festival suite di André Waignein. Dall’inossidabile colonna sonora del film Indiana Jones, scritta da John Williams, a quella scoppiettante composta da Elmer Bernstein per I magnifici sette. Senza dimenticare le musiche scritte da Hans Zimmer e Miklos Rozsa per il film Il gladiatore o la popolare No poto reposare di Sabadore Sini e G. Rachel negli arrangiamenti di Maurizio Ligas.
Sono circa 150 gli allievi della Scuola civica di musica: giovani provenienti oltre che da San Sperate, anche dai comuni limitrofi. Nell’ultimo anno la scuola ha avviato una serie di importanti collaborazioni con il Conservatorio di Musica G. P. Da Palestrina e con la Fondazione Teatro Lirico di Cagliari. «Per i prossimi mesi stiamo programmando una serie di attività culturali e di spettacolo per il territorio- dice il direttore artistico della scuola Francesco Pilia- La scuola inoltre si è già aperta all’innovazione e ai social media».
Un esempio è la pagina Facebook dell’istituzione (Scuola civica di San Sperate) agevole e costantemente aggiornata.
La partecipazione al concerto di domani è gratuita. Per informazioni si può contattare Francesco Pilia al numero 347.1955924 o visitare la pagina Facebook della scuola.

L’appuntamento è organizzato dalla Scuola civica di musica di San Sperate in collaborazione con la Banda Città di Pula e con il patrocinio dell’Unione dei Comuni del Basso Campidano.


In questo articolo: