Ente Foreste, via libera in Regione per stabilizzare 312 operai

Boccata d’ossigeno per i posti di lavoro

 In vista dei nuovi compiti e delle nuove sfide che attendono l’Ente foreste e delle importanti funzioni di protezione civile svolte per prevenire calamità naturali e per il controllo del rischio idrogeologico, la Giunta ha approvato oggi una delibera che consente di stabilizzare 312 operai. Si tratta di un intervento in coerenza con l’ampliamento delle funzioni istituzionali previste dal disegno di legge n. 218, attualmente all’esame della IV Commissione consiliare. 

“Dopo tanti anni sono riprese le stabilizzazioni legate ai nuovi compiti di tutela ambientale dell’Ente che consentirà di rendere più efficace la difesa del territorio. È una stabilizzazione basata su turnover nel rispetto della legge nazionale”. Così l’assessore della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano sul testo che risulta il frutto di un anno di lavoro congiunto con l’assessorato del Personale e di importanti interlocuzioni.


“È un passo significativo che riguarda direttamente lavoratori impegnati in servizi rilevanti nel quadro dell’attività dell’Ente Foreste. Questa stabilizzazione si basa su una legge regionale e il piano di assunzione avviene in piena sintonia con quanto prevede quel provvedimento”, dichiara l’assessore degli Affari generali, Personale e Riforma della Regione Gianmario Demuro.


La stabilizzazione, in attuazione dell’articolo 4 della legge regionale 7/2014, riguarderà gli operai a tempo determinato semestrale addetti alla cantieristica e gli operai dell’attività antincendio e verrà definita secondo criteri oggettivi. L’Ente foreste procederà a ripartire il personale da stabilizzare fra le varie sedi territoriali, tenendo conto del numero di dipendenti e delle esigenze specifiche di personale secondo le lavorazioni da svolgere e i progetti e, infine, la possibilità di utilizzo del personale stabilizzato. Le stabilizzazioni rientrano nel Piano triennale del fabbisogno di personale 2015-2017 predisposto dall’Ente Foreste.

 


In questo articolo: